The (International) Noise Conspiracy: ‘Volevamo essere i Public Enemy’

Il nome The (International) Noise Conspiracy può non dire molto a coloro che si nutrono di musica “impegnata” come quella dei Rage Against The Machine, degli Asian Dub Foundation, dei 99 Posse e – perché no – di Manu Chao.
Eppure questo gruppo svedese, socialmente e musicalmente attivo dal 1998, calca i palchi europei da quasi un decennio, con diverse formazioni dai nomi surreali come Refused, Separation e Doughnuts; e oggi gioca con la politica, l’arte e la grafica, in modo forse più efficace e divertente dei colleghi sopra citati.
Gli (International) Noise Conspiracy, in procinto di pubblicare il terzo lavoro intitolato “A new morning, changing weather”, amano condensare in un solo brano tanti e vari elementi in grado di “rendere più coscienti le persone, di farle incuriosire e spingerle a riempirsi la testa di informazioni utili per vivere in modo consapevole”, come ha spiegato a Rockol il bassista Inge Johansson.
Inge risponde alla telefonata di Rockol chiuso in camera da letto, perché lassù in Svezia il vento freddo ha fatto dimenticare in fretta l’estate. E forse, in questo momento, indossa proprio una delle solite uniformi militari utilizzate in scena. “Perché”, spiega ridendo Inge, “ci piace vederci vestiti in quel modo, ci ricorda alcuni gruppi che stimiamo, come i Public Enemy. E’ semplicemente divertente, fa scena… è rock, è sexy, è eccitante. E inoltre ci serve a dimostrare alla gente che siamo un vero gruppo. Vogliamo far capire che le anime degli (International) Noise Conspiracy sono molto più forti se unite, e non isolate”. E’ impossibile evitare l'argomento della politica intervistando un gruppo del genere, che sul palco porta tutta la rabbia più furiosa e scatenata grazie a musiche impregnate fino all’osso di punk, rock ‘n’ roll, beat, soul e atmosfere anni ’60.
Inge sembra molto indeciso quando gli si chiede, mentre tira lunghi e pensierosi sospiri, che cosa sia stato più importante nella sua vita, se il raggiungimento di una radicata coscienza politica o la scoperta della musica. “Ogni componente del nostro gruppo si è sempre interessato, in modo attivo, ai temi politici o musicali. Prima di formare gli (International) Noise Conspiracy militavamo in gruppi punk o hardcore e ci interessavamo di politica. E’ tutto questo che ci ha uniti”. Inge non ha il tono di un esagitato, un “punk” nell’accezione più banale e scontata del termine. E’ tranquillo e sereno, e risponde garbatamente alle domande, anche a quelle che – probabilmente – sarebbero più opportune se rivolte ad un politico professionista. “Eravamo tutti coscienti, quando ci siamo conosciuti, di ciò che volevamo essere”, racconta Inge con frasi brevi e frammentate, “e la musica punk-rock era la risposta. I nomi che ci hanno ispirati sono moltissimi: personaggi della letteratura, della musica, della politica, dell’arte, del cinema. Personalmente mi piace rubare tutto ciò che posso, succhiare il nettare necessario per arricchire la mia coscienza e la mia conoscenza. Purtroppo mi sento costretto a dire che la musica non può cambiare il mondo. E’ impossibile. Ma, certamente, la musica può cambiare le persone, e può raggiungerne tantissime, colpendone l’immaginazione e la sensibilità”. Anche se si cerca di spostare il discorso su argomenti più frivoli per alleggerire la conversazione, Inge continua a parlare delle sue passioni, quelle che – prima di diventare un musicista a tempo pieno – alimentavano le sue speranze e la voglia di “non arrendersi mai”. “MC5, gli Who, gli Smiths… poi ci sono i Four Tops, i Jam, i Rolling Stones, le TLC; e poi Billy Bragg, i Clash… insomma, quando parliamo di musica ciò che ti posso dire è che gli (International) Noise Conspiracy hanno assorbito di tutto”.
Inge snocciola nomi e parole come fossero le acque inquiete di un fiume in piena, e non si ferma. Probabilmente ha paura di dimenticare il nome, quello – forse per lui – più importante. “I Public Enemy? Li ho già detti, no? Noi non abbiamo alcun ‘rispetto’. Ascoltiamo di tutto. Da Blondie a Chuck Berry, dalle Destiny’s Child a Sly & The Family Stone… un po’ di Cure e Dr. Dre. Ma i Public Enemy! Noi volevamo essere come loro, e, naturalmente, più di loro!”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.