Natalie Imbruglia, debutto “caldo” ai Magazzini Generali di Milano

Natalie Imbruglia, debutto “caldo” ai Magazzini Generali di Milano
Magazzini Generali pieni all’inverosimile (con qualche problema di ordine pubblico, momenti di tensione e interruzione momentanea del concerto) per il debutto italiano di Natalie Imbruglia, ieri 14 gennaio a Milano.

L’ingressso gratuito e il tam tam promozionale messo in piedi nei giorni precedenti l’esibizione hanno prodotto l’effetto voluto dagli organizzatori, attirando una massa di curiosi (i più acuti di vista giurano di avere individuato tra la folla anche vip come Giorgia ed Elio) di molto superiore alla capienza del locale. Tanto che la sala si è trasformata ben presto in una pericolosa e quasi invivibile caverna, con buona pace delle regole di pubblica sicurezza. Dopo tre soli brani, la caduta di un supporto delle luci ha provocato il rovesciamento di una delle casse acustiche: nessun danno alle persone, per fortuna, ma parecchia paura, tanto che lo showcase è stato sospeso per riprendere dopo un lungo intervallo).
Circondata da tanto caloroso affetto (anche se una parte del numerosissimo pubblico giovanile sembrava più interessato al bancone del bar che alla sua esibizione), la ventiduenne chanteuse australiana ha sciorinato con bella diligenza, e ostentando notevole disinvoltura (a dispetto del fatto che quella di Milano è stata la prima esibizione dal vivo come cantante della sua vita: ci riferiscono che prima di iniziare lo showcase la ragazza era praticamente paralizzata dall’emozione) il repertorio contenuto nell’album “Left Of The Middle”, facendosi accompagnare da un onesto quartetto composto di due chitarre, basso e batteria e capace di destreggiarsi tra le mutevoli atmosfere elettroacustiche delle sue canzoni lievi e frizzanti.

Un paio di educate ballate pop-folk, qualche accelerazione rock (abrasiva ma non troppo), suggestioni trip-hop e anni Sessanta (tra i vibrati chitarristici della bella “Leave Me Alone”), oltre naturalmente all’attesissima “Torn” (accompagnata da qualche sonora stecca) hanno composto il menù veloce e prontamente consumabile di una esibizione pressoché invedibile da una distanza superiore ai dieci metri dal palco.
Troppo poco per dare un giudizio definitivo sulle qualità reali della giovane stella che arriva dalle soap operas.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.