Simon Cowell sul mercato discografico: 'Ha senso fondere EMI e Universal'

Martin Mills, fondatore della indie Beggars Group e discografico di Adele, è convinto che una fusione tra Universal ed EMI sia deleteria per l'industria discografica, per i consumatori e per le attività di talent scouting.


Simon Cowell, invece, la pensa in modo diametralmente opposto. In un'intervista concessa all'Evening Standard, infatti, il deus ex machina di X Factor e del format "Got Talent" ha sostenuto che "il consolidamento ha senso, nel momento in cui crollano le vendite di dischi", riferendosi tanto alla vendita degli asset discografici di EMI a Universal che all'assorbimento delle sue edizioni musicali da parte di Sony/ATV. Le major discografiche devono cambiare radicalmente i loro modelli di business se non vogliono rischiare di collassare, ha aggiunto Cowell, specificando che la sua Syco "non è una società musicale. Dieci anni fa ci siamo accorti che non potevamo sopravvivere come etichetta discografica, e di conseguenza abbiamo creato una società televisiva. Ora è il business televisivo a creare un'impresa accessoria. E' questo che devono fare le case discografiche con i loro artisti, se vogliono sopravvivere".


La Syco Records di Cowell ha sotto contratto (in joint venture con le etichette Columbia e RCA del gruppo Sony Music, contitolare dei suoi format televisivi)  i maggiori talenti emersi dai suoi talent show, come Susan Boyle, Leona Lewis, Rebecca Ferguson e i lanciatissimi One Direction; nel suo roster figura anche il quartetto crossover Il Divo.   
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.