Gli Angra rinascono ad ottobre con un nuovo disco

Gli Angra rinascono ad ottobre con un nuovo disco
I brasiliani Angra pubblicheranno a fine ottobre il loro nuovo album. Intitolato “Rebirth”, uscirà per la Atrheia Records.
Il disco è il primo con la nuova formazione, che include ora Edu Falaschi (voce), Aquiles Priester (batteria) e Felipe Andreoli (basso – vedi news). “Rebirth” è stato prodotto da Dennis Ward, già in precedenza al lavoro con Adagio, Pink Cream 69 e Vanden Plas.
Di passaggio a Milano per fare promozione al nuovo disco, Edu Falaschi, Kiko Loureiro e Rafael Bittencourt hanno raccontato che l'uscita dei membri originali André Matos, Luis Mariutti e Ricardo Confessori non ha scoraggiato la band, la quale si è rimboccata le maniche trovando subito nuova forza e vigore nei nuovi arrivati. “Matos voleva tentare di sviluppare sonorità più vicine al rock dei Queen, mentre noi volevamo proseguire per la nostra strada e non deludere i fan”, ha affermato Bittencourt. ”'Rebirth' è la prova che gli Angra sono ancora qui vivi e vegeti”.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.