Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Metal / 14/09/2001

La comunità heavy metal esprime il proprio cordoglio per i fatti di NY

La comunità heavy metal esprime il proprio cordoglio per i fatti di NY

Anche la comunità heavy metal internazionale è rimasta colpita profondamente dagli ultimi tragici avvenimenti di a New York e Washington. Questi, in breve, i commenti rilasciati da alcuni artisti:
Scott Ian (Anthrax): “La sensazione di impotenza è mostruosa. Tutto ciò che posso dire è che i miei pensieri sono rivolti a tutte le famiglie che hanno perso qualcuno in questo folle atto di violenza”.
Evan Seinfeld (Biohazard): “Ero seduto sul tetto di casa mia e guardavo il simbolo del progresso umano e delle speranze economiche crollare miseramente. Ho pianto e pregato Dio. Tutto il ‘progresso’ che abbiamo accumulato non è servito a niente. Uniti riusciremo a superare anche questa tragedia e arrivare all'unica soluzione possibile: la pace”.
Dave Effelson (Megadeth): “Quando Dave mi ha chiamato nella mia stanza di hotel per avvertirmi di ciò che stava accadendo a NY, c’è voluto un bel po’ prima che mi rendessi conto di tutto. È strano come tutto appaia insignificante quando succedono tragedie di questa portata”.
Johnny Lee Middleton (Savatage): “Siamo devastati dal dolore e tutte le nostre preghiere vanno alle vittime e alle loro famiglie”.
Spero di non dover assistere mai più a nulla del genere”.
Bobby "Blitz” Ellsworth (Overkill): “Il meglio che possiamo fare è aiutare i feriti donando loro il sangue”.
Mike Muir (Suicidal Tendencies): “A causa dei tragici eventi di NY preferiamo rimandare il nostro tour e fermarci a pensare. E' un giorno triste per l’umanità; ci renderemo conto solo tra qualche tempo cosa significa per noi tutto questo”.
Yngwie Malmsteen: "Yngwie, la sua famiglia e tutto il fan club esprimono le loro profonde condoglianze a tutti quelli colpiti quelli che sono stati dall’attacco terroristico a N.Y.”.
Dee Snider: “Preghiamo per le vittime e per i loro familiari. La mia famiglia ed io siamo salvi. Aiutate i volontari e la Croce Rossa di NY donando il sangue”.