Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Industria / 05/04/2012

UK: nei primi 3 mesi del 2012 venduti 4 milioni di album in meno

UK: nei primi 3 mesi del 2012 venduti 4 milioni di album in meno

Archiviato il 2011 con un calo di fatturato del 3,4 per cento (795,4 milioni di sterline, pari a 961,3 milioni di euro), mitigato dallo sviluppo sostenuto dei consumi  digitali, il nuovo anno discografico nel Regno Unito non sembra però essere iniziato sotto i migliori auspici.

I dati raccolti dalla Official Charts Company per conto dell'organizzazione di categoria British Phonographic Industry (BPI) registrano infatti una perdita secca di 4 milioni di album venduti tra il 1° gennaio e il 31 marzo, 23 milioni di pezzi contro 27, equivalente a un calo del 14,7 per cento. E questo a dispetto dell'ulteriore crescita del digitale, che nei primi tre mesi del 2012 ha accresciuto sul mercato britannico la sua quota nelle vendite di album passando dal 23,6 al 33,1 per cento. A guidare il drappello dei best seller è ancora una volta "21" di Adele (pubblicato dalla indipendente XL Recordings), davanti ai dischi di debutto di Lana Del Rey (Polydor/Universal), Emeli Sandé (Virgin/EMI) ed Ed Sheeran (Atlantic/Warner) e a "Mylo xyloto" dei Coldplay (Capitol/EMI).


Le note positive, informa la Official Charts Company, arrivano invece dal mercato dei singoli, in crescita da gennaio a marzo del 4,4 per cento: 46,7 milioni di pezzi venduti, due milioni in più dello stesso periodo dell'anno precedente.