Campo Dall'Orto e l'MTV Day: 'Non sono i grandi nomi a fare un buon festival'

Campo Dall'Orto e l'MTV Day: 'Non sono i grandi nomi a fare un buon festival'
L’emittente musicale lancia la sfida. Rinunciando (scelta consapevole oppure obbligo di fare di necessità virtù? Il dibattito è aperto) agli headliner di grido delle scorse edizioni – Jovanotti due anni fa, Ligabue e Lunapop lo scorso anno – per proporre al suo quarto MTV Day un festival capace di imporsi e di attrarre pubblico con la semplice forza del marchio e la bontà del concetto che ne informa lo spirito: riunire artisti delle più svariate tendenze musicali per una giornata di festa e musica tout court. Nessun trascinatore di folle della forza dei nomi succitati, dunque, ma un cast che bilancia ingredienti pop e rock in egual misura (Alex Britti, Almamegretta, Giuliano Palma & The Bluebeaters, Irene Grandi, Timoria, Tiromancino e Verdena, tutti debuttanti all’evento) rinforzandoli, per la prima volta, con l’inserimento di gruppi internazionali come Sugar Ray e Travis: il tutto in diretta sulle frequenze via etere di MTV-TMC2 (e in streaming audio/video sul sito Web della rete, www.mtv.it) dalle 14 alle 24 di sabato prossimo, 15 settembre.
“La cultura del festival fatica ancora ad attecchire in Italia”, ha sottolineato l’amministratore delegato dell’emittente Antonio Campo Dall’Orto, presentando alla stampa – oggi, lunedì 10 settembre - il programma del festival e intervenendo su uno dei temi musicali più dibattuti dell’estate (a cui Rockol ha dedicato la settimana scorsa un ampio servizio, vedi news). “Se per assurdo avessimo a disposizione Vasco Rossi, l’anno prossimo, ci verrebbe da chiederci se quella è la scelta più giusta per noi: abbiamo visto tutti cosa è successo a Imola, dove il pubblico ha snobbato gli altri gruppi in cartellone, addirittura manifestando ostilità verso gli ospiti stranieri. Questo noi lo vogliamo evitare, e non è un caso che una delle nostre regole ferree sia quella di non anticipare mai la scaletta delle esibizioni: il messaggio che vogliamo trasmettere a chi vuole partecipare all’evento – e sono stati più di 60 mila, lo scorso anno – è di godersi 10 ore di musica senza preclusioni di sorta”. Sul tema, assai sentito dagli artisti, sono voluti intervenire anche alcuni dei musicisti presenti alla conferenza stampa. Primo fra tutti Omar Pedrini dei Timoria: “E’ ora che anche i media e i giornali si sottraggano al gioco della ricerca del grosso personaggio a tutti i costi”, ha detto il musicista bresciano. “La stampa e gli organi di informazione possono fare molto a sostegno di un rock italiano che oggi è un movimento nel pieno della maturità, capace di attrarre decine di migliaia di persone ai concerti. Testimoniare l’esistenza di questo fenomeno è tanto più importante in un momento in cui le radio puntano solo sull’audience e sul facile ascolto”. “Forse abbiamo quello che ci meritiamo”, fa autocritica Alex Britti, “ma dobbiamo sforzarci di ridurre le distanze con il resto d’Europa anche in questo campo. Il bello di festival come questi sta proprio nella possibilità di far convivere esperienze artistiche così diverse, oltre che nei valori di aggregazione e nella magia che in qualunque evento del genere finiscono per trascendere gli stessi contenuti musicali”.
Potenziato nell’impegno organizzativo (1 miliardo e 40 milioni di investimento complessivo, 200 milioni in più dello scorso anno tutti destinati al miglioramento della resa televisiva dell’evento) e nei contenuti on-line (una sezione speciale del sito Web di MTV sarà dedicata alla ripresa dei backstage, con Madaski e Paola Maugeri in veste di timonieri), l’MTV Day di quest’anno avrà anche per la prima volta una ribalta internazionale: le varie emittenti europee del network (MTV2 in Gran Bretagna) si collegheranno in diretta con Bologna per trasmettere il concerto dei Travis, e la rete italiana ne approfitterà per presentare, il giorno successivo, un resoconto “liofilizzato” dell’intera manifestazione. Ci sarà anche Bono, anche se solo in video, per lanciare uno spot contro la violenza, contributo della rete al dibattito che infiamma la nazione dopo gli scontri al G8 di Genova.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.