Musica digitale, un'altra causa per Grooveshark: di nuovo in lite con la EMI

Musica digitale, un'altra causa per Grooveshark: di nuovo in lite con la EMI

Continua la guerra tra il servizio di musica digitale Grooveshark e l'industria discografica: dopo essere stata citata in giudizio per violazione di copyright dalle major Universal Music, Warner Music e Sony Music, la società americana è nuovamente in causa anche con la EMI. La casa discografica inglese, che con Grooveshark aveva un contratto di licenza, ha fatto ricorso alla Corte Suprema dello stato di New York contestando a Escape Media Group, cui fa capo la piattaforma di streaming,  il mancato pagamento di un anticipo di 100 mila dollari su un totale di 450 mila dollari pattuiti in cambio dei  diritti a utilizzare il suo repertorio. Siccome Escape aveva versato in precedenza 150 mila dollari (in tre rate, tra il dicembre 2011 e il febbraio 2012), EMI rivendica il pagamento di 300 mila dollari più gli interessi e le spese legali.


Completamente diversa la tesi di Grooveshark, che per mezzo di un comunicato stampa sostiene di avere unilateralmente sciolto il contratto "a causa delle insostenibili percentuali richieste da EMI sullo streaming e in pendenza del suo merger con lo Universal Music Group, che noi consideriamo a carattere monopolista e in violazione delle leggi antitrust".


La EMI aveva già fatto causa alla società della Florida nel giugno del 2009, giungendo ad un accordo extragiudiziale nel dicembre dello stesso anno; nel 2010 anche una lite con l'associazione delle etichette indipendenti Merlin era stata risolta fuori dalle aule dei tribunali, mentre Grooveshark ha in corso una vertenza con la divisione editoriale della EMI, EMI Music Publishing.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.