Disordini ad un concerto dei System of a Down

Disordini ad un concerto dei System of a Down
Si è conclusa con 6 arresti per vandalismo e resistenza a pubblico ufficiale il concerto che i System Of A Down hanno tenuto lo scorso 3 settembre a Los Angeles: la situazione pare essere precipitata quando diverse centinaia di fan rimaste fuori dai cancelli hanno invaso l’area destinata ad ospitare la manifestazione, scavalcando la rete di recinzione e seminando il panico tra i circa 3500 presenti. Alcune decine di fan sono riuscite a guadagnare il palco, ignorando gli appelli alla calma lanciato dagli stessi System Of A Down: la band non ha potuto fare altro, quindi che assistere impotente alla distruzione della propria attrezzatura, costata qualcosa come 37.000 dollari (circa 70 milioni di lire). Solo l’intervento degli agenti delle locali forze di polizia ha riportato la situazione alla normalità.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
10 giu
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.