Rolling Stones: la BBC scopre 13 inediti nel proprio 'catacombale' archivio

Rolling Stones: la BBC scopre 13 inediti nel proprio 'catacombale' archivio
Dopo tanti ritrovamenti beatlesiani, non poteva non toccare prima o poi anche agli Stones: la BBC ha annunciato di aver rinvenuto in archivio (dev’essere davvero un luogo peculiare) 13 delle 42 canzoni registrate dai Rolling Stones per un radioshow tra il 1963 e il 1965. Quattro pezzi di Chuck Berry e altri classici stabilmente nel repertorio rollingstoniano dell’epoca (ad esempio “Mona”, “I’m moving on”, “Down the road apiece”) e due composizioni firmate Jagger-Richards (“I wanna love you” e “Dust my pyramids”). Si tratta di brani appartenenti a varie sessioni fortemente volute dal produttore radiofonico Bernie Andrews, che riuscì a convincere la scettica BBC (soprattutto per la pessima dizione di Jagger) a concedere spazio a un gruppo che nell’ottobre 1963 aveva già un certo seguito. L'economa BBC, che aveva bocciato il gruppo in un precedente tentativo (aprile 1963) pagò Jagger e soci sette sterline per ogni sessione; oltretutto, a messa in onda avvenuta, il destino dei nastri sarebbe stato la distruzione, non fosse stato per il medesimo Andrews, che si adoperò perché essi fossero conservati; ciononostante, sembrava proprio che fossero andati persi - fino a ieri. E così, di fronte a 13 inediti dei Rolling Stones, cosa si può fare se non un bell’album? Succederà, questo è certo, anche se è ancora presto per dire come e quando il prezioso disco uscirà in commercio. Quanto alle altre 29 canzoni, sono in corso accurate ricerche speleologiche in quelle che Paul McCartney ha definito "British Broadcasting Catacombs".
Dall'archivio di Rockol - Giles Martin racconta "Sgt. Peppers Lonely Heart Club Band"
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.