I Black Keys: 'Sean Parker (Spotify, Napster) è uno stronzo'

I Black Keys: 'Sean Parker (Spotify, Napster) è uno stronzo'

Patrick Carney, batterista dei Black Keys, ha definito il già fondatore di Napster e oggi elemento del consiglio di amministrazione di Spotify Sean Parker "uno stronzo": a scatenare le ire del musicista è stata una dichiarazione rilasciata dallo stesso Parker ("Spotify nel corso dei prossimi due anni frutterà alla discografia più di quanto non farà iTunes") allo scorsa edizione del South by Southwest. "E' proprio uno stronzo", ha dichiarato Carney ai microfoni dell'emittente statunitense WGRD: "Questo tizio ha guadagnato due miliardi di dollari eludendo i versamenti dei proventi dei diritti d'autore ai legittimi proprietari e adesso sta raschiando il fondo del barile. Uno così non può avere nessuna credibilità". Il collega di Dan Auerbach, tuttavia, non si è detto pregiudizialmente contrario ai servizi di streaming: "Non è che un servizio come Netflix dedicato alla musica ci trovi contrari: solamente, non voglio metterci la nostra musica finché non ci saranno abbastanza abbonati perché una mossa del genere possa avere senso".

[acquista qui la discografia di Samuele Bersani]

[leggi qui i testi delle canzoni di Samuele Bersani]

Contenuto non disponibile


"Vi assicuro che né a me né tantomeno a Dan fa schifo l'idea di fare soldi. Solamente, sarebbe carino che a fare soldi siano per una volta anche gli artisti. Onestamente, non voglio vedere Parker subentrare a nessun altro: immagino che se Spotify dovesse diventare una realtà commercialmente molto appetibile la Apple quasi sicuramente cercherebbe di lanciare un proprio servizio analogo. Ed Apple, allo stato attuale delle cose, tratta meglio gli artisti di Spotify".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.