Mog in vendita? L'acquirente sarebbe Beats Audio

Diffusesi in maniera crescente durante il South by SouthWest di Austin, che tra i numerosi panelisti ospitava anche il CEO di Mog, David Hyman, non si arrestano le illazioni sulla possibile cessione del popolare servizio di streaming americano. In effetti, secondo alcuni media tecnici statunitensi, il passaggio di mano sarebbe già avvenuto nelle scorse settimane e il nuovo proprietario di Mog sarebbe Beats Audio, famosissimo marchio di cuffie audio ad alta qualità lanciato da Dr. Dre e da Jimmy Iovine di Universal Music. Mentre le parti interessate non hanno ancora commentato, senza peraltro smentire, queste voci, il loro silenzio sarebbe dovuto ai tempi tecnici ancora necessari per finalizzare la trattativa. Se la transazione fosse confermata, l'industria assisterebbe sia a un nuovo episodio di consolidamento, con il 'piccolo' Mog assorbito da un operatore del comparto hardware per l'impossibilità di competere a livelli dimensionali crescenti (quelli imposti da Spotify, ma anche da concorrenti come Rhapsody, che acquisì a suo tempo Napster, o Muve Music, già acquisita da Cricket Wireless), sia alla realizzazione dello schema che pochi mesi fa si è rivelato impraticabile per Beyond Oblivion. Se Beats acquisisse Mog, infatti, quest'ultima diverrebbe in effetti una proprietà di HTC che, con quote di mercato crescenti nel settore del mobile, è a sua volta il socio di maggioranza (51%) di Beats Audio. Mog ha dichiarato di disporre attualmente di 500.000 utenti attivi, pur non specificando quale proporzione di essi appartiene alla categoria dei clienti paganti per il servizio premium (Spotify dichiara 3 milioni di clienti paganti allo stato attuale, Rhapsody un milione). Beats Audio è specializzata nella tecnologia di compressione audio della musica digitale di alta qualità ed è stata valutata circa 600 milioni di dollari (HTC ha pagato la sua quota 300 milioni di dollari nel 2011).

    Diffusesi in maniera crescente durante il South by SouthWest di Austin, che tra i numerosi panelisti ospitava anche il CEO di Mog, David Hyman, non si arrestano le illazioni sulla possibile cessione del popolare servizio di streaming americano. In effetti, secondo alcuni media tecnici statunitensi, il passaggio di mano sarebbe già avvenuto nelle scorse settimane e il nuovo proprietario di Mog sarebbe Beats Audio, famosissimo marchio di cuffie audio ad alta qualità lanciato da Dr. Dre e da Jimmy Iovine di Universal Music. Mentre le parti interessate non hanno ancora commentato, senza peraltro smentire, queste voci, il loro silenzio sarebbe dovuto ai tempi tecnici ancora necessari per finalizzare la trattativa. Se la transazione fosse confermata, l'industria assisterebbe sia a un nuovo episodio di consolidamento, con il 'piccolo' Mog assorbito da un operatore del comparto hardware per l'impossibilità di competere a livelli dimensionali crescenti (quelli imposti da Spotify, ma anche da concorrenti come Rhapsody, che acquisì a suo tempo Napster, o Muve Music, già acquisita da Cricket Wireless), sia alla realizzazione dello schema che pochi mesi fa si è rivelato impraticabile per Beyond Oblivion. Se Beats acquisisse Mog, infatti, quest'ultima diverrebbe in effetti una proprietà di HTC che, con quote di mercato crescenti nel settore del mobile, è a sua volta il socio di maggioranza (51%) di Beats Audio. Mog ha dichiarato di disporre attualmente di 500.000 utenti attivi, pur non specificando quale proporzione di essi appartiene alla categoria dei clienti paganti per il servizio premium (Spotify dichiara 3 milioni di clienti paganti allo stato attuale, Rhapsody un milione). Beats Audio è specializzata nella tecnologia di compressione audio della musica digitale di alta qualità ed è stata valutata circa 600 milioni di dollari (HTC ha pagato la sua quota 300 milioni di dollari nel 2011).

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.