Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Industria / 22/08/2001

USA, di nuovo in calo le vendite di dischi

USA, di nuovo in calo le vendite di dischi
Mentre l’industria britannica recupera terreno registrando un incremento delle vendite (vedi news), il maggiore mercato discografico del mondo ricomincia ad annaspare. Le statistiche ufficiali riguardanti i primi sei mesi dell’anno, appena pubblicate dall’associazione di categoria RIAA, non sono certo confortanti per le case discografiche d’oltreoceano: rispetto alla prima parte del 2000, infatti, l’industria nordamericana subisce una flessione consistente in termini di fatturato (5,9 miliardi di dollari, - 4,4 %) e ancora di più in termini di mercato “reale”, e cioè nella quantità di CD e cassette distribuite ai rivenditori (442,7 milioni di pezzi, comprese le vendite per corrispondenza: 9,4 % in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente).
Preoccupante, per gli operatori, risulta soprattutto il calo del 5,3 % registrato nelle vendite di CD album, di gran lunga il supporto dominante del mercato con una percentuale che tocca quasi il 90 % dei pezzi venduti. Mentre continua inesorabile il declino delle musicassette (42,9 %) e prosegue il crollo dei singoli (-38,3 %), le uniche eccezioni al trend negativo arrivano dalle vendite di DVD Video (compresi i titoli musicali, che nel semestre hanno toccato i 3 milioni di pezzi venduti, registrando un incremento del 115,9 %) e degli album in vinile, che restano tuttavia confinati a un mercato di nicchia e per collezionisti (+ 7,4 %).
“Le nostre società riconoscono il fatto che un maggior numero di consumatori è interessato a procurarsi musica on-line e sta iniziando a sperimentare una serie di nuovi approcci al mercato, compresi i servizi legali in abbonamento”, ha ammesso il presidente e CEO della RIAA Hilary Rosen commentando i dati raccolti dall’associazione. L’uso massiccio dei CD-R resta al centro delle preoccupazioni dell’industria come causa prima del declino delle vendite riscontrato sul mercato “legale”: un’indagine promossa dalla stessa RIAA ha mostrato che quasi un consumatore di musica su due aveva scaricato musica da Internet nel mese precedente al sondaggio e che quasi il 70 % aveva copiato su CD la musica scaricata. La stessa Rosen si è tuttavia dichiarata ottimista riguardo alla seconda parte dell’anno, citando i nuovi album di Mary J Blige, Andrea Bocelli, Brandy, Goo Goo Dolls, Macy Gray, Enrique Iglesias, Jewel, Natalie Merchant e Alanis Morissette come i titoli più attesi, destinati a rilanciare il mercato nella stagione autunnale e invernale.