Prezzo dei CD, la Commissione Europea scagiona le majors

Le autorità europee hanno archiviato con un nulla di fatto l'inchiesta sull’industria discografica che avevano intrapreso nel gennaio scorso (vedi news) per verificare se tra le maggiori case distributrici fosse in atto un “cartello” oligopolistico destinato a tenere alti i prezzi dei CD in modo ritenuto dannoso per i consumatori di musica.
Nell’annunciare la conclusione dell’indagine, sollecitata all’epoca dal (poi abortito) progetto di fusione tra EMI e Warner Music, la Commissione Europea ha tuttavia rivelato che alcune possibili violazioni sono state riscontrate limitatamente al territorio di alcuni stati membri dell’Unione, e che gli elementi acquisiti al riguardo verranno trasmessi alle competenti autorità nazionali. La Commissione ha anche avvertito che continuerà a tenere l’industria discografica sotto stretta osservazione, e che l’inchiesta potrebbe riaprirsi nel caso in cui emergano nuove e rilevanti informazioni in materia.
L’indagine europea sul prezzo dei CD era nata sulla scorta di un’analoga iniziativa intrapresa dalle autorità federali negli Stati Uniti, dove nel maggio scorso (vedi news) le maggiori case discografiche hanno accettato di rinunciare alle pratiche commerciali che richiedevano ai negozianti di attenersi a un prezzo minimo di vendita in cambio di sconti e di sostegno promozionale-pubblicitario. Un’inchiesta sull’industria discografica resta attualmente in corso in Gran Bretagna, dove le autorità antitrust stanno indagando sulle politiche commerciali dei maggiori distributori per verificare se esistono tra loro accordi destinati a bloccare l’importazione di prodotti a prezzi più competitivi provenienti dall’Europa continentale.
Music Biz Cafe, parla Francesca Trainini (PMI, Impala)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.