Si scatena la polemica sulle dichiarazioni di Boncompagni, BMG e Virgin minacciano l’embargo a Sanremo

Si scatena la polemica sulle dichiarazioni di Boncompagni, BMG e Virgin minacciano l’embargo a Sanremo
La BMG Ricordi e la Virgin potrebbero ritirare tutti i loro artisti dal prossimo festival di Sanremo. Lo hanno annunciato oggi, 6 novembre 1997, Franco Reali e Riccardo Clary, amministratori delegati delle due case discografiche, che in questo modo hanno voluto rispondere alle velenose dichiarazioni rilasciate da Gianni Boncompagni in occasione della conferenza stampa di presentazione di "Sanremo giovani", riprese oggi da molto quotidiani. Boncompagni, uno dei tre membri della commissione artistica incaricata di selezionare i partecipanti al festival (gli altri due sono Luca de Gennaro e Renato Serio), si era espresso senza peli sulla lingua in presenza dei giornalisti, sparando a zero sulla qualità delle canzoni presentate alle selezioni e sulla statura artistica degli interpreti, definiti "persone molto modeste, gente di provincia che orecchia cantanti di successo", "dilettanti allo sbaraglio", con "un’immagine da centro sociale", e via mitragliando (dichiarazioni rafforzate anche da Serio, che ha lamentato l’ignoranza musicale di molti candidati e la difficoltà di trovare, tra i 600 brani presentati alle selezioni, qualche composizione di livello dignitoso). Affermazioni che Reali, in un comunicato stampa diffuso oggi, definisce "particolarmente ingenerose e offensive, e inoltre fortemente pregiudizievoli per un positivo sviluppo del lavoro di giovani che - in quanto tali - si avviano a compiere un percorso di maturazione artistica che richiede impegno, ma anche critiche costruttive ed incoraggiamenti, soprattutto da parte di chi ben conosce questi processi". Mentre Clary osserva che "le dichiarazioni di Boncompagni dimostrano che la musica è considerata in modo approssimativo e viene utilizzata sempre più spesso a fini propagandistici, elettorali, religiosi, di audience e di cronaca rosa". Alle loro proteste fanno eco anche quelle di Gerolamo Caccia Dominioni, presidente della Fimi e del gruppo Warner Music, secondo cui i giudizi di Boncompagni "rivelano un equivoco sul ruolo della commissione artistica di Sanremo: la destinazione dei giovani è il palcoscenico, non il patibolo".
Di qui la decisione di rimettere in discussione la partecipazione a Sanremo. Staremo a vedere gli sviluppi della vicenda: ma dalla vibrata protesta espressa a caldo in queste ore allla messa in atto di un boicottaggio effettivo nei confronti dell’evento musical-televisivo dell’anno ce ne corre... Intanto, lo stesso Boncompagni si è rimangiato parte delle dichiarazioni rese alla stampa ("non volevo offendere né scoraggiare nessuno. Il mio modo di comunicare, un po’ paradossale e iperbolico, è stato frainteso", ha detto l’uomo di "Macao"), e a gettare acqua sul fuoco ci ha pensato anche il capostruttura di Raiuno Mario Maffucci, che parla di polemiche forzate e di un caso montato sul nulla. Il commento più ironico alla vicenda è arrivato invece da Fabio Fazio, candidato dubbioso alla conduzione della manifestazione: "Che a Boncompagni non siano piaciute tutte le canzoni è un segnale incoraggiante: mi sarei preoccupato del contrario", ha chiosato l’entertainer savonese.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.