UK, l'Antitrust apre un'istruttoria sul secondary ticketing

UK, l'Antitrust apre un'istruttoria sul secondary ticketing

L'ormai celebre inchiesta televisiva condotta dal programma britannico "Dispatches" di Channel 4 sul mondo del secondary ticketing (che puntava il dito su siti specializzati come Seatwave e Viagogo ma anche sui promoter "conniventi", capaci di instascare fino al 90 per cento della "cresta" applicata ai prezzi) ha spinto l'Office for Fair Trading britannico ad aprire un'istruttoria sul fenomeno per verificare se sussistano i margini per un intervento legislativo finalizzato a correggere il malfunzionamento del mercato. E' questa la tesi sostenuta da addetti ai lavori e da deputati come Sharon Hodgson, che ha scritto all'agenzia Antitrust e invitato il ministro per lo Sport Hugh Robertson ad ampliare il controllo rigoroso del mercato già disposto in occasione delle Olimpiadi di Londra 2012.
Robertson le ha risposto dicendosi disponibile a riesaminare una questione che, fino a poco tempo fa, era ritenuta dal governo di stretta competenza degli addetti ai lavori. La prova  di una disfunzione del mercato, ha detto il ministro, cambierebbe certamente i termini del dibattito, così come lo farebbe un accertamento da parte delle forze di polizia o dei servizi di sicurezza da cui risulti che "grandi quantità di denaro vengono riciclate attraverso il mercato secondario e che la mancanza di una legislazione può favorire l'attività di organizzazioni criminali".


Al momento, un bando assoluto alla vendita di biglietti al di fuori delle agenzie autorizzate è stato introdotto in occasione delle Olimpiadi ma non per gli eventi musicali: Robertson ha giustificato la discriminazione sostenendo che non si è trattato di una iniziativa governativa ma di una precisa richiesta pervenuta dal Comitato Olimpico Internazionale.


L'atteggiamento del governo è stato criticato nei giorni scorsi da Melvin Benn, managing director di Festival Republic che organizza grandi eventi come il Latitude e i festival di Reading e Leeds: "Il ministro della Cultura Jeremy Hunt", ha detto Benn, "ha lasciato a noi la risoluzione del problema. La cosa mi spiace perché sono i cittadini e l'industria di questo Paese a risultarne danneggiati".  Un comunicato emesso dal governo dopo l'esplosione delle polemiche sul secondary ticketing sosteneva che i consumatori hanno la possibilità di sottrarsi al pagamento dei prezzi eccessivi proposti dai siti di rivendita: a meno che, appunto, non venga accertato che la vendita su siti secondari provochi una grave e generalizzata disfunzione del mercato.  
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.