Pirateria musicale: italiani secondi in Europa

L'Osservatorio Permanente sull'Usura e sulla Criminalità Economica della Camera di Commercio di Milano ha svolto una ricerca sulla pirateria musicale in Italia, dalla quale è risultato che ogni famiglia italiana ha in casa tra il 10 e il 25% di prodotti contraffatti (il che ci pone al secondo posto in Europa, dopo la Grecia), realizzati per lo più a Bari, Napoli, Palermo, Roma, Pescara e Catania.
Le maggiori responsabilità di questa situazione peserebbero su Internet, dal quale vengono ogni giorno scaricati tre milioni di file musicali di cui solo il 2% viene pagato.
Del resto la pirateria on line è in crescita: si tenga presente che nel mondo vengono contraffatti due miliardi di di brani musicali, pari a un fatturato di quattro miliardi di dollari, ogni anno. Nel 2000 in Italia sono stati sequestrati 155 mila file Mp3 e a livello internazionale sono stati chiusi 15 mila siti ospitanti 3 milioni di file. Il presidente della Camera di Commercio Carlo Sangalli ha parlato, in un'intervista rilasciata all'agenzia Ansa, di una sorta di "indulgenza collettiva" nei confronti della pirateria musicale: "il singolo utente che scarica un brano da Internet per fini privati finisce per favorire una cultura dell'illegalità, che ha conseguenze generali ben più gravi".
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Roberto Razzini (Warner Chappell Music Italia)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.