Giua Corsi: è 'TrE' il nuovo disco realizzato insieme ad Armando Corsi

Si intitola "TrE" il nuovo disco di Giua Corsi, anticipato dal singolo "Totem e tabù", uscito a gennaio e prodotto e arrangiato dalla stessa cantante e Armando Corsi (chitarrista già al fianco di Paco De Lucia, Eric Marienthal, Anna Oxa e Ivano Fossati).

Il disco vede la partecipazione di ospiti del calibro di Jaques Morelenbaum, Fausto Mesolella, Mario Arcari, Riccardo Tesi, Marco Fadda e Claudio Taddei,. "TrE" contiene due dischi: il primo con quindici brani inediti che - come riporta il comunicato di presentazione - "hanno i colori del Mediterraneo, del Sudamerica e dell’Africa, pur affondando le radici nella tradizione della scuola cantautorale genovese" e il secondo con sei cover.
Giua Corsi ha esordito nel 2008 al Festival di Sanremo pubblicando il disco eponimo. Nello stesso anno è uscito l'album "Tanto non vengo".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.