Gli eels in disaccordo con la Dreamworks

Gli eels in disaccordo con la Dreamworks
Qualche giorno fa, sul sito ufficiale della band, www.eelstheband.com, è stato postato un messaggio intitolato "The beginning of World War III". Che cosa è successo di così grave da far scoppiare "una guerra"? Bersaglio delle accuse è la Dreamworks, casa discografica del gruppo, colpevole di aver scelto di distribuire l'album "Souljacker" in Europa il 24 settembre, con quattro mesi di anticipo rispetto agli Stati Uniti.
Il sito, nel ribadire il disaccordo degli eels, consiglia però ai fan americani di acquistare il disco nel vecchio continente, dato che la versione europea includerà anche un EP con pezzi inediti.
Il singolo "Souljacker Part I" uscirà il 10 settembre e il relativo video avrà un regista d'eccezione: Wim Wenders.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.