Sanremo, riecco Pippo Baudo.
Il 'bentornato' di Rockol

Sanremo, riecco Pippo Baudo.Il 'bentornato' di Rockol
Si terrà dal 5 al 9 marzo l'edizione 2002 del Festival di Sanremo, che - notizia per certi versi clamorosa - sarà affidato alla direzione artistica di Pippo Baudo, il quale ne sarà anche il presentatore insieme a Giorgio Panariello. Rimandando alla rassegna stampa di domattina la raccolta dei tanti pareri degli addetti ai lavori e dei personaggi del mondo dello spettacolo che indubbiamente affolleranno le pagine dei quotidiani, ci ritagliamo qui uno spazio di commento a caldo.

E forse sorprenderà i nostri lettori sapere che, in fondo, la decisione di affidare a Superpippo la gestione della kermesse riivierasca ci pare ampiamente condivisibile. Non solo perché è stato proprio il presentatore siciliano a riportare il Festival ai fasti degli anni d'oro, ma anche perché i pregi di Pippo Baudo sono almeno quanti i suoi difetti: il che non si può certo dire di altri che si sono cimentati alla guida della manifestazione.
Baudo conosce perfettamente il mondo dell'industria musicale, nel quale si muove con assoluta disinvoltura; ha un'esperienza senza pari nel maneggiare i rapporti con i discografici; e, che piaccia o no, possiede anche la competenza necessaria per fungere da consigliere (o consigliori, se proprio volete) agli artisti persino in sede di preparazione dei pezzi da presentare.
Che poi i suoi gusti musicali coincidano con quelli dei lettori di Rockol è piuttosto improbabile: ma a Baudo va riconosciuta l'attitudine a compiere ogni scelta prima di tutto in funzione della buona riuscita dello spettacolo. Spettacolo televisivo, s'intende: questo va precisato, anche per evitare che pensiate che questo nostro commento sia distonico rispetto alla filosofia di Rockol.

In altre parole: non sappiamo se Baudo vorrà o potrà portare sul palcoscenico dell'Ariston artisti dalle caratteristiche consone alle preferenze musicali dei lettori di Rockol, ma siamo piuttosto tranquilli nel prevedere che il risultato complessivo della manifestazione sarà più che accettabile, e comunque superiore a quello dello scorso anno.
Se poi il periodo di “purgatorio” durante il quale Pippo è rimasto lontano da Sanremo lo avrà reso un tantino meno dispotico, accentratore e protagonista ad ogni costo, c'è da sperare che il prossimo Festival possa risultare - indipendentemente da ogni valutazione di gusto personale - una degna vetrina della canzone italiana. Lo auguriamo ai discografici, prima ancora che a Baudo.

Franco Zanetti
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.