La RIAA: Napster battuto, ritiriamo la causa

La Recording Industry Association of America potrebbe abbandonare l’azione legale nei confronti di Napster: questa, almeno, sarebbe l’intenzione di Hilary Rosen, presidente della potentissima associazione di discografici, che, con la denuncia che ha portato i giudici americani ad obbligare il “blocco” dei file musicali, ha messo in ginocchio il famoso sito di file sharing. Avendo pertanto ridotto Napster ai minimi termini, la RIAA potrebbe rinunciare al mega risarcimento per violazione dei diritti d’autore: “Avrei voglia di ritirare la causa contro Napster”, ha affermato la stessa Rosen, “anche se prima devo valutare alcuni dettagli”. La decisione della RIAA andrebbe ad adeguarsi alla condotta dei due più fieri nemici della e-community musicale, Metallica e Dr Dre, che hanno recentemente ritirato le loro denunce in seguito alle decisioni prese dalla corte americana (vedi news).
Dall'archivio di Rockol - 1991, l'ultimo anno d'oro del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.