UK, inchiesta del Daily Mail: BT e Talk Talk incoraggiano il file sharing

Le "telecom" britanniche BT e Talk Talk si sono viste respingere l'appello con cui avevano contestato la conformità del Digital Economy Act ai principi sanciti dalle leggi europee.

Il testo di legge redatto dal governo inglese  impone agli Internet service provider di intervenire a mezzo di diffida contro le violazioni di copyright in rete arrivando a sospendere l'accesso agli utenti recidivi: ciò che, secondo i due ISP, comporterebbe una ingiustificata violazione della privacy dei cittadini addossando oneri eccessivi ai gestori delle reti di comunicazione. Il giudice non è stato dello stesso avviso, ma mentre un portavoce di BT ha commentato prudentemente  la sentenza spiegando che la società "valuterà con attenzione il giudizio per comprenderne le implicazioni e considerare le prossime mosse", Talk Talk ha già dichiarato l'intenzione di "continuare a combattere per difendere i diritti dei nostri consumatori contro una legislazione sconsiderata".

Proprio nelle stesse ore, tuttavia, le due società hanno dovuto far fronte alla pubblicità negativa indotta da un'inchiesta del Daily Mail che avrebbe svelato un loro atteggiamento quanto meno condiscendente, se non apertamente favorevole, nei confronti di chi esercita il file sharing illegale. Contattati da sedicenti clienti (in realtà giornalisti e operatori di "mystery shopping") e richiesti di un consiglio su quali fossero i migliori servizi disponibili per utilizzare piattaforme come isoHunt e The Pirate Bay, gli operatori del customer service delle due società si sarebbero guardati bene dall'avvertire i presunti clienti dell'illiceità del file sharing, indirizzandoli anzi verso le offerte broadband più rapide, efficienti e costose per scaricare musica e film.

"E' scioccante apprendere che i fornitori di banda larga danno impulso ai loro ricavi vendendo accessi broadband a clienti che intendono chiaramente violare la legge", ha commentato Geoff Taylor della British Phonographic Industry (BPI) mentre Richard Mollett, amministratore delegato della Publishers Association, ha osservato che "è molto inquietante, anche se non sorprendente, scoprire che proprio le due società che contestano il Digital Economy Act istighino i potenziali consumatori a infrangere i copyright".

Mentre Talk Talk ha replicato di "incoraggiare tutti i consumatori a usare internet responsabilmente e a osservare la legge", BT (che secondo recenti indiscrezioni sta lavorando a una propria piattaforma di musica digitale) si è difesa sostenendo che "gli operatori dei call centre non si trovano nella posizione di poter suggerire quali siti siano legali e quali no".
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.