Roberta di Lorenzo, il nuovo album: 'E' come il Vaso di Pandora'

 

Uscirà domani, 6 marzo, il nuovo disco di Roberta di Lorenzo, intitolato "Su questo piano che si chiama Terra".

L'album della cantautrice molisana arriva a due anni di distanza da "L'occhio della luna" - suo lavoro d'esordio - ed è stato prodotto artisticamente dai fratelli Pino e Lino Nicolosi (già al lavoro con Sting, Al Jarreau, Chaka Khan e Gino Vannelli). "Questo è il mio disco della consapevolezza e della crescita, della ricerca della libertà, degli occhi ben aperti sul mondo e oltre", ha spiegato l'artista a noi di Rockol, : "In questo album la riflessione parte proprio dal nostro comune punto di vista, quello della Terra. Ma è la spiritualità, intesa come ricerca di un senso profondo dell'esistenza quello che ho cercato di rappresentare; creare una risposta atea alla domanda di un (ipotetico) credente". "Tutto gira intorno a come vibro io nel mondo", ha poi proseguito Roberta, specificando come la sua seconda fatica in studio tratti di lei nel suo vivo: "Nell'album precedente ritraevo i quadri di personaggi femminili specifici, eroine del passato come Antigone o Circe. Mentre ora parlo di me e dei percorsi labirintici della mia mente, così contorti che spesso mi sento come il Vaso di Pandora. Il tentativo è quello di rendere la nostra mente un'amica e non la peggior nemica che ci imprigiona nei proprio meandri. Aprirsi per volare verso altre dimensioni, mantenendo sempre e comunque i piedi per terra". E l'antitesi tra la gabbia e il volo è ripresa anche nella cover del disco, che raffigura il volto della cantante dietro una gabbia che la sua stessa mano sta però per aprire. Tra le 10 tracce inedite inserite in "Su questo piano che si chiama Terra" è presente  "E tu lo chiami Dio", il brano eseguito da .Eugenio Finardi (suo amico ormai da svariati anni) all'appena passata edizione del Festival di Sanremo: "La tematica della spiritualità è universale e Eugenio ha sempre avuto una particolare predisposizione per essa, per questo il brano è piaciuto. Ho composto la canzone in previsione del mio secondo album, lui l'ha sentita e l'ha voluta portare difronte al pubblico dell'Ariston. E' stato persino meglio che se ci fossi andata di persona. Io ed Eugenio abbiamo ben 30 anni di differenza, ma sul palco è riuscito a riprodurre una realtà analoga per entrambe. C'è stata come una fusione". Nel disco inoltre sono stati inseriti i duetti inediti con Alberto Fortis, nel brano "Lady Hawke", Andrea Mirò in "Menti distratte" e con i Sonohra nel brano di chiusura "L'amore si impara". "Su questo piano che si chiama Terra" è stato anticipato dal singolo "A causa di Psiche", in rotazione radiofonica dallo scorso 2 marzo: "E' un brano che gioca con la parola greca 'Psyché' e il suo significato", ha riferito l'artista, : "Quando si finisce per analizzare tutti i sentimenti ci si perde in congetture inutili, il pensiero diventa ossessione. In questo modo si arriva all'esigenza di raggiungere una leggerezza dell'anima e la possibilità di innamorarsi senza necessariamente psicanalizzare il senso dell'amore, riscoprendo così i nostri istinti primari e i bisogni reali".    

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.