Addio a 'Robertino', voce storica di Radio Monte Carlo

Addio a 'Robertino', voce storica di Radio Monte Carlo

Si è spenta, ieri sera, la voce storica di Radio Monte Carlo: Roberto Arnaldi, che tutti conoscevano come Robertino, è morto a 71 anni, dopo due mesi di malattia, all'ospedale les Sources di Nizza dove era ricoverato.

   
Nato a Genova il 29 agosto del 1941, era entrato a Radio Monte Carlo nel 1967 dopo avere sostenuto un provino con il cantautore e Herbert Pagani, uno dei primi conduttori di RMC; dell'emittente monegasca fondata e diretta da Noel Coutisson diventò subito una bandiera e la voce più riconoscibile, conducendo con Luisella Berrino un popolarissimo programma mattutino, "Fate voi stessi il vostro programma", basato sulle dediche e le richieste degli ascoltatori. Famoso per l'eloquio torrenziale e velocissimo che fece scuola tra i dj della radiofonia privata, Robertino era anche un grande appassionato di musica e soprattutto di canzone francese: grazie a Fabrizio De André, che aveva avuto modo di intervistare, entrò in contatto con l'etichetta Produttori Associati e con Roberto Dané che gli produsse un album intitolato "Il sogno e la parola" (cui ne seguirono altri). Fu anche traduttore di canzoni straniere per Amalia Rodrigues ("La casa in via del Campo") e Dalida, autore di testi  per conto di artisti come Nilla Pizzi, Iva Zanicchi, Orietta Berti e Toto Cutugno nonché uno dei fondatori del Premio Tenco di cui, nel 1974, fu anche il primo presentatore.


Nei primi anni Ottanta iniziò a condurre  anche programmi televisivi su Telemontecarlo "(Buggzzumm"), mentre il suo sodalizio con la radio che lo aveva lanciato si interruppe nel 1988  per divergenze artistiche con la nuova proprietà (la famiglia Hazan); in seguito aveva continuato a lavorare nel mondo delle radio locali, in Liguria e non solo.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.