Edgar Bronfman Jr.: dal 'Plug In' la 'replica' di Pressplay a MusicNet

"Executive Vice President" di Universal Vivendi è il suo titolo ma il personaggio è, soprattutto, il portavoce di un gruppo che - dopo le acquisizioni di MP3.com e di E Music (vedi news) - rappresenta oggi la roccaforte della nuova piattaforma di distribuzione digitale legale della musica Pressplay. Edgar Bronfman Jr. ha recitato il ruolo dell'antagonista di Rob Glaser, intervenuto al "Plug In" poco prima di lui a nome della concorrente MusicNet (vedi news).

"Questa affermazione di Rob secondo cui MusicNet sarebbe un'entità autonoma è... sostanzialmente una bufala", ha esordito Bronfman, unendo al garbo del tono la grinta della sostanza. "La principale differenza di Pressplay rispetto a MusicNet è insita nel modello di business: nella loro piattaforma ogni retailer è libero di fissare il prezzo dei prodotti, sulla base di un catalogo i cui costi sono imposti a livello "business to business". Noi, al contrario, fissiamo i prezzi al pubblico e liquidiamo ai partner delle percentuali predeterminate; inoltre i dati dei clienti sono condivisibili tra etichette e retailer partecipanti all'iniziativa".

Dopo avere assestato un ennesimo colpo a Napster (".

E' facile essere aziende innovatrici quando non si hanno beni e proprietà da difendere."), Bronfman ha ammesso che siamo sostanzialmente al primo atto di una commedia che si annuncia lunga: "Per operatori come noi e MusicNet è cruciale presentarsi tempestivamente sul mercato con una proposta commerciale conveniente, che rilevi le precedenti abitudini gratuite dell'utenza che proprio noi abbiamo contribuito a cercare di stroncare (leggi Napster - n.d.r.). Sappiamo bene che gli utenti desiderano operare su una piattaforma unica: ai consumatori non interessano etichette e marchi, ma prodotti, canzoni e artisti; per loro, giustamente, la tecnologia e la normativa sono argomenti inutili. Ad oggi, tuttavia, esistono profonde divergenze sui modelli di business tra Pressplay e MusicNet perché si possa ragionevolmente pensare a un'integrazione vicina nel tempo".


Nella parte finale dell'intervento affidatogli, a Bronfman è stato chiesto un commento alla critica rivolta ieri da Alanis Morissette alla discografia dallo stesso palco (v. News). Bronfman se l'è cavata con signorilità e ironia, glissando al massimo sul tema: "Lavoro da trent'anni nella musica e non mi è mai capitato di sentire un artista dire: 'Oh, quanto adoro la mia casa discografica!". Se è successo, io non ne sono a conoscenza... La relazione tra etichetta e artista è sempre stata e sempre sarà un rapporto di amore/odio. Tuttavia siamo sicuri di potere affermare che gli artisti potranno beneficiare delle trasformazioni che stiamo attuando".
Dall'archivio di Rockol - Dieci oggetti feticcio del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.