Rockol - sezioni principali

NEWS   |   R'n'B / hip hop / 01/03/2012

Morte di Whitney Houston: cards offensive sugli scaffali di un supermercato

Morte di Whitney Houston: cards offensive sugli scaffali di un supermercato

“La prossima volta che vorrai metterti con un ragazzaccio tieni a mente quello che è successo a Whitney Houston”. Questa è la frase incriminata stampata su dei bigliettini da regalo sugli scaffali dei grandi magazzini Target. In vendita già da prima della prematura scomparsa della cantante, per la loro eliminazione sono state necessarie molte lettere di protesta da parte dei clienti che le hanno ritenute estremamente offensive. La compagnia americana ha diramato un comunicato ufficiale: "Non è mai stata nostra intenzione offendere nessuno con i prodotti che offriamo e noi abbiamo grande considerazione per i feedback che riceviamo dai clienti. Le greeting cards erano presenti nei nostri negozi prima della morte della signora Houston e non appena è stato portato il caso alla nostra attenzione, abbiamo provveduto alla loro rimozione da tutti i nostri punti vendita”, si legge nella nota a nome di Target. Il testo del bigliettino incriminato si riferisce alla turbolenta relazione di Whitney con l’ex marito Bobby Brown., per molti responsabile dell’uso di droghe della Houston. La compianta artista, è stata trovata morta lo scorso 11 febbraio nella sua camnera d’albergo a Los Angeles poche ore prima dell’annuale festa pre-Grammy Awards di Clive Davis.

Nel frattempo, arrivano indiscrezioni sulla causa della morte della cantante. Il rapporto del coroner escluderebbe il suicidio e l'omicidio, ma la definirebbe come una “morte accidentale”. Resta da conoscere il risultato tossicologico che determinerà la quantità  di medicinali, alcol o droghe eventualmente presenti nell'organismo della Houston.

Scheda artista Tour&Concerti
Testi