Sempre più forte il made in Italy all'estero

Gli exploit internazionali di Andrea Bocelli, protagonista proprio in questi giorni della scalata alle classifiche americane, sigillano un anno d’oro per la musica italiana all’estero.

Grazie al tenore pop toscano e alle altre nostre stelle da esportazione (Ramazzotti e Robert Miles in primo luogo, ma anche Pausini, Zucchero e la dance star Gala) il fatturato estero della discografia italiana è salito dai 150 milioni di dollari del ‘95 a circa 200 milioni di dollari nel ‘97. Lo ha rivelato il direttore generale della Fimi, Ernesto Magnani, intervenendo ad un convegno promosso nei giorni scorsi dalla associazione degli organizzatori di concerti Assomusica. Nella stessa occasione Magnani ha ricordato i costi sostenuti dall’industria per il lancio di nuovi prodotti musicali, sottolineando che solo il 25 per cento dei dischi pubblicati sul mercato raggiunge il punto di pareggio. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.