Paolo Conte: ‘Che noia, la musica di oggi...’

Paolo Conte: ‘Che noia, la musica di oggi...’

“Troppa tecnica e poca ispirazione, in concorso con gli ultimi ritrovati della tecnica (come il cd, ad esempio), hanno creativamente castrato i giovani musicisti.

Oggi ci si può permettere di fare un assolo di un quarto d’ora, ma ai tempi dei 33 giri, nelle 32 battute assegnate al solista, c’era tutto un altro coinvolgimento”: queste le dichiarazioni di Paolo Conte, intervistato in occasione della sua esibizione all’annuale edizione di Umbria Jazz. Il musicista astigiano, che da sempre si è dichiarato un fan del jazz “vecchia maniera”, ha individuato nell’eccessiva libertà concessa agli artisti attuali un possibile limite creativo: “La troppa comodità della vita attuale ci ha resi pigri: il jazz in origine era vissuto come avventura, oggi invece viene interpretato in maniera troppo omologata”. (Fonte: La Repubblica).

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.