Napster, l'oscuramento continua per decisione del giudice

Il giudice federale di San Francisco Marilyn Hall Patel, lo stesso che nel marzo scorso aveva imposto a Napster di bloccare lo scambio on-line dei brani protetti da copyright (vedi news), ha usato ancora una volta il pugno di ferro con il sito di Shawn Fanning, ordinando che il servizio di “file sharing” resti “oscurato” fino a quando la Web company non sarà in grado di assicurare il pieno rispetto dei diritti di autori, editori e case discografiche.

Il magistrato americano ha ritenuto non sufficientemente affidabile la tecnologia utilizzata dal sito per filtrare e bloccare la circolazione on-line non autorizzata e gratuita dei brani musicali: perché Napster possa riprendere a far funzionare il servizio, ha disposto il giudice Patel, non basta che il sistema funzioni nel 99,4 % dei casi, come dichiarato dai gestori del sito, ma è necessario che i meccanismi di controllo sui file scambiati in rete funzionino al 100 %, senza alcun margine di errore. .


La decisione è arrivata nella giornata di mercoledì, 11 luglio, al termine di un’udienza a porte chiuse nella quale il giudice Patel e il suo consulente tecnico A.J. "Nick" Nichols hanno esaminato i sistemi di “fingerprinting” (cioè di identificazione digitale) dei brani musicali introdotti dai tecnici di Napster per concludere che anche questa tecnologia non garantisce il rispetto dell’ingiunzione preliminare emessa dallo stesso magistrato il 5 marzo scorso (vedi news). Il provvedimento in questione imponeva a Napster di proibire lo scambio trai suoi utenti di tutte le registrazioni audio non autorizzate dai legittimi titolari, case discografiche ed editori musicali, obbligandola a monitorare costantemente le liste di brani scambiati in rete per bloccare tempestivamente ogni possibile forma di violazione.

Continua dunque fino a data da destinarsi il periodo di oscuramento del sito, che da oltre una settimana (vedi news) aveva sospeso il servizio per concentrarsi sulla costruzione di un enorme database di codici di fingerprinting in grado di identificare con precisione ogni brano scaricato dal Web sulla base di algoritmi costruiti in funzione della sua specifica conformazione sonora.

In questo contesto la decisione del giudice, approvata pubblicamente dall’associazione dei discografici americani RIAA, rappresenta non solo un ennesimo grave danno di immagine per il sito, ma anche un ulteriore ritardo nel lancio programmato di un servizio di streaming e downloading a pagamento entro l’estate (vedi news). Per il momento, gli ingegneri di Napster non hanno neppure iniziato a sviluppare il programma destinato a gestire la rendicontazione e il pagamento delle royalty ai titolari dei copyright. E quanto alla possibilità di venire incontro alle richieste del giudice, diversi esperti del settore fanno già notare che un sistema di “fingerprinting” a prova di errore sia probabilmente al di là delle possibilità dei tecnici della Web company californiana. .

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.