Majors sotto inchiesta anche in America

Meno di due mesi dopo la sentenza dell'Antitrust che ha comminato una sanzione alle major discografiche italiane per pratiche anticoncorrenziali, anche i rivenditori di dischi americani, non nuovi a denunce del genere, tornano alla carica.
L'ultimo atto d'accusa nei riguardi delle sei maggiori case distributrici (EMI, Sony, Warner, Universal, BMG e PolyGram) proviene da un negozio di Filadelfia, che accusa le major di cospirazione al fine di gonfiare e mantenere artificialmente alti i prezzi dei CD.
Nell'atto di citazione presentato nei giorni scorsi alla corte distrettuale della California, il rivenditore richiede una dichiarazione formale di illegalità di ogni pratica di "price fixing" in base alla legge antitrust americana e ai codici professionali della California, un'ingiunzione permanente che impedisca alle case discografiche di proseguire nel loro operato, nonché il risarcimento dei danni e delle spese legali.
Tra le major incriminate, solo la BMG ha commentato il fatto tramite un suo funzionario, che ha definito ogni vertenza in merito a presunte pratiche concorrenziali "totalmente priva di fondamento".
Negli ultimi mesi, ogni giudizio in materia è stato sospeso nell'attesa di conoscere i risultati di una nuova indagine sui prezzi dei CD avviata dalla Federal Trade Commission.
Dall'archivio di Rockol - Music Biz Cafe, parla Andrea Micciché (NUOVOIMAIE)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.