UK (2): lo streaming vale il 4 per cento del mercato

I dati di mercato 2011 per il settore della musica registrata appena pubblicati nel Regno Unito dalla British Phonographic Industry (BPI)  offrono uno spaccato interessante sull'evoluzione dei servizi di streaming (gratuiti e a pagamento), da molti ritenuti il modello di business destinato a prevalere nel futuro dell'industria discografica.

Le cifre che arrivano dall'Inghilterra - uno dei mercati più evoluti e di maggiori dimensioni al mondo - fotografono però un fenomeno ancora agli stadi iniziali: le royalty che le case discografiche percepiscono da piattaforme a pagamento come Spotify Premium, Napster, We7 ed eMusic  valgono infatti al momento solo il  3 per cento dei loro ricavi.  Il trend di crescita, d'altra parte, è interessante: dagli 8,6 milioni di sterline incassati nel 2008 si è passati agli 11,8 milioni del 2009, ai 16,3 milioni del 2010 e ai 24 milioni di sterline del 2011 (+ 47,5 per cento)


Nel frattempo, le royalty generate dai servizi gratuiti che si sostengono grazie alle inserzioni pubblicitarie (Spotify, YouTube, Last.fm ecc.) hanno già subito una battuta d'arresto, diminuendo dell'1,4 per cento e fermandosi a quota 10,7 milioni di sterline (1,3 per cento del fatturato globale).  Le case discografiche avevano incassato 2,4 milioni di sterline nel 2009, di 8,2 milioni nel 2009 e di 10,8 milioni nel 2010.
 

Dall'archivio di Rockol - I migliori album tributo del rock
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.