UK, il digitale vale il 35 per cento del mercato musicale

Non è ancora pareggio di bilancio, ma la strada - per l'industria discografica britannica - è quella giusta: nel Regno Unito i tassi di crescita e i ricavi generati dalla musica digitale  (+ 24,7 per cento, 281,6 milioni di sterline) compensano  per due terzi l'ennesimo calo - ottavo anno consecutivo - del mercato "fisico" rappresentato  da cd e dvd  (- 14,1 per cento, 513, 8 milioni di sterline).  Download a pagamento, abbonamenti a servizi di streaming e royalty sulle entrate pubblicitarie incassate dalle piattaforme di musica gratuita valgono già, per la discografia locale, più di un terzo del fatturato (il 35,4 per cento, contro il 27,4 per cento dell'anno precedente). E i dati pubblicati dalla British Phonographic Industry (BPI) segnalano una volta di più  il crescente successo riscosso dagli album in formato digitale, capaci di generare un fatturato di 117,9 milioni  con un incremento del 43,2 per cento sull'anno precedente (mentre le vendite di singoli brani sono cresciute dell'11,3 per cento a 120,5 milioni).

I motivi di (cauto) ottimismo non mancano, insomma, e l' amministratore delegato di BPI Geoff Taylor commenta soddisfatto che "è molto incoraggiante, per le prospettive a lungo termine dell'industria, che il ritmo della crescita digitale continui ad accelerare". Taylor sottolinea che  "le case discografiche inglesi stanno sostenendo un'ampia gamma di servizi musicali innovativi, mentre gli appassionati di musica stanno accogliendo il digitale come mai prima d'ora". Ma la crescita non è tutta eterodiretta, aggiunge, lodando gli sforzi compiuti sul fronte del talent scouting e dell'A&R: "L'industria discografica ha continuato a investire pesantemente nella scoperta e nella promozione di grandi talenti britannici, e così facendo ha  contribuito a sostenere i ricavi a fronte di una situazione economica difficile".
 

Dall'archivio di Rockol - Virtual Time, 'Waves Are Calling' #Nofilter per Rockol
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.