Sanremo 2012: Noa ed Eugenio Finardi in sala stampa

Sanremo 2012: Noa ed Eugenio Finardi in sala stampa

Seconda conferenza stampa artistica della giornata, e secondo passaggio di ospite straniero della serata di giovedì : è la volta di Noa, accompagnata da Eugenio Finardi. Il duetto sarà su "Torna a Sorrento" - la cantante israeliana ha appena pubblicato "Noapolis", album di reinterpretazioni del canzoniere partenopeo. In sala stampa sono presenti anche i Solis String Quartet, che accompagneranno il due sul palco dell'Ariston domani sera.


La prima parte della chiacchierata con i giornalisti, però, è nuovamente sulla partecipazione a Sanremo (che Finardi ci ha già raccontato nella nostra videointervista già pubblicata qualche giorno fa, e che potete rivedere qua sotto), sulla raccola "Sessanta" in uscita oggi, sugli ennesimi commenti alla serata di ieri sera (che Finardi elegantemente svicola, dicendo di non essere informato e di sentirsi "abbastanza accudito da Morandi, che dimostra affetto per gli artisti"). Infine Finardi fa una dedica a Demetrio Stratos: "Nell'improbabile eventualità che dovesse arrivare la mia vittoria, la dedicherei a lui".


Finalmente si parla del duetto: "Frequento Noa fin dai tempi in cui condividemmo il palco alla Notte della Taranta, la seguo, ammiro il suo progetto. Lei canterà in napoletano ed io in inglese". Noa prende la parola in italiano, educatamente saluta nella nostra lingua, poi per comodità passa all'inglese: "Esistono due tipi di artisti: quelli che amano se stessi e quelli che amano il dio della musica. E' con questi che mi piace lavorare, ed Eugenio è uno di questi: ha dedicato la sua intera carriera a condividere questo suo dono con gli altri.


 


Contenuto non disponibile



"E' un onore lavorare con artisti napoletani come i Solis String Quartet, con cui lavoro da dieci anni. Siamo tutti devoti al dio della musica: magari soffro di altre malattie, ma non di quella dell'egocentrismo, che ti impedisce di riconoscere il valore altriui. Ecco, loro sono davvero bravi e non smetterò mai di ringraziarli". "Da Elisa a Carlo Fava", dicono i Solis, "Non è la prima volta che calchiamo questo palco. Magari una volta verremo da soli, ma non soffriamo del fatto di accompagnare altri artisti: non sapete quante chiamate riceviamo per collaborare, ed è difficile scegliere perché gli artisti sono spesso amici. Noi abbiamo già vinto per quello che ci riguarda."

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.