Google, sull'acquisizione di Motorola arriva il sì di Stati Uniti e Europa

L'acquisizione di Motorola  da parte di Google (che ha ovvie e importanti implicazioni anche sul fronte della strategia musicale del colosso di Mountain View e dei suoi sviluppi sul versante "mobile") è stata approvata dalle autorità antitrust di Stati Uniti  e UE, Dipartimento di Giustizia e Commissione Europea.

L'operazione, la più ambiziosa affrontata nei 13 anni di storia della società, è stata concordata nell'agosto del 2011 per un valore di 12,5 miliardi di dollari: ma prima di entrare nella fase operativa che consentirà a Google, per la prima volta, di entrare direttamente nel settore della produzione di telefoni cellulari, tablet, decoder TV e altri articoli di elettronica di consumo (la società sta già effettuando test su sistemi integrati di riproduzione audio/video domestici connessi a Internet),  deve essere approvata anche da Israele, Taiwan e Cina. E' in quest'ultimo Paese, secondo gli  osservatori, che si annidano le potenziali maggiori difficoltà, dal momento che Google si è ritirata dal mercato  per protesta contro le misure di censura messe in atto dal governo e dalle autorità legislative.

L'acquisizione di Motorola rappresenta per la società un investimento di grande rilevanza strategica che gli apre la porta a oltre 17 mila brevetti. A proposito dei quali, tuttavia, il Commissario Europeo per la Concorrenza Joaquin Almunia ha già dichiarato che la UE "terrà sotto stretta osservazione il comportamento di tutti gli attori del mercato". Gli organi antistrust di Stati Uniti e Unione Europea, nel frattempo, non si sono ancora espressi circa  un eventuale abuso di posizione dominante di Google nel settore dei motori di ricerca.
 

Dall'archivio di Rockol - Gli album essenziali del rock italiano anni Novanta
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.