Yahoo! compra Launch: nasce un altro 'big player' della musica in rete?

Yahoo! compra Launch: nasce un altro 'big player' della musica in rete?
Non ci sono solo aziende come Microsoft e MTV, a scalpitare per assumere un ruolo di primo piano nel mercato della musica digitale del futuro, accanto ai protagonisti annunciati come MusicNet, PressPlay, Napster o MP3.com: anche il più celebre dei portali Internet, infatti, mira a rafforzare considerevolmente la sua offerta musicale (che fino ad oggi non è mai riuscita a guadagnarsi una posizione di rilievo sul mercato) attraverso l’acquisizione di Launch.com, la Web radio americana che programma playlist di brani on-line in base ai gusti e alle specifiche richieste di ciascun ascoltatore. In un comunicato diffuso nella giornata di giovedì 28 giugno, Yahoo! precisa di avere in programma di rilevare le quote azionarie di Launch pagandole 92 cent ciascuna, il 59 % in più della attuale quotazione di mercato (58 cent, saliti però a 90 nel pomeriggio di giovedì, subito dopo l’annuncio): complessivamente, l’operazione dovrebbe costare al motore di ricerca 12 milioni di dollari, oltre 27 miliardi di lire, a cui aggiungerà 3 milioni di dollari di finanziamento a copertura dei debiti.
Nella strategia di consolidamento dell’offerta musicale del portale, l’emittente on-line sviluppata da Launch.com e il suo servizio di video on-demand rappresentano un tassello importante da aggiungere a un comparto musicale che già gestisce la vendita di CD in mail order e il downloading di file digitali. Nelle intenzioni di Yahoo!, l’acquisizione di Launch (considerato uno dei sei principali siti musicali della rete, con circa 4 milioni di utenti e un’ampia sezione di news musicali) dovrebbe anche servire a raggiungere un gruppo demografico più giovane di consumatori, quello compreso tra i 18 e i 28 anni, nonché ad attrarre sul sito nuovi, potenziali inserzionisti on-line: l’amministratore delegato di Launch, David Goldberg, si è dichiarato convinto che nel prossimo futuro molti ascoltatori migreranno dalle radio via etere a quelle on-line, portando con sé quote crescenti di investimenti pubblicitari. Secondo alcuni analisti, la mossa di Yahoo! segnala anche la sua intenzione di abbandonare il concetto di business del “portale” (oggi afflitto proprio dalla carenza di introiti pubblicitari) per evolversi in una vera e propria “media company” operante sul Web a tutto campo attraverso l’offerta di prodotti e servizi molteplici.
Yahoo! ha specificato che l’acquisizione del sito Web (già approvata dagli azionisti di Launch) dovrebbe avvenire nel terzo trimestre dell’anno, e che la società continuerà ad operare dalla sua base di Santa Monica, California, con Goldberg e il presidente Bob Roback confermati nelle loro funzioni. Launch, intanto, che da alcune settimane era impegnata in una causa legale contro le major discografiche relativamente alle funzioni interattive concesse dalla sua programmazione musicale on-line (vedi news), ha annunciato di avere raggiunto un accordo di licenza non esclusiva (i cui termini economici non sono stati rivelati) con la Universal per l’utilizzo del suo repertorio sul Web site.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.