Ha forse un nome l'assassino di Tupac Shakur

Ha forse un nome l'assassino di Tupac Shakur
"Suge" Knight, ex boss della rispettata (e temuta) etichetta rap Deathrow Records, avrebbe fatto il nome del killer di Tupac Shakur. Marion "Suge" Knight, come si sa, sta scontando una lunga condanna detentiva presso la prigione di Chino, California. Parlando con un suo compagno di cella, tale Sanyika Shakur (nessuna parentela con lo scomparso), Knight gli avrebbe rivelato il nome dello sparatore. Si tratterebbe di tale Baby Lane, soprannome di Orlando Anderson, residente a Compton e già interrogato (senza conseguenze) dalla polizia americana. Vedremo ora se i detectives terranno conto della rivelazione. Knight avrebbe inoltre confidato all'ex compagno di galera un particolare piuttosto macabro: dopo essere stato colpito da vari colpi d'arma da fuoco, Tupac avrebbe continuato a parlare, quasi come se niente fosse, fino all'arrivo all'ospedale.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.