Editore denuncia: 'Vevo non paga gli indipendenti'

Editore denuncia: 'Vevo non paga gli indipendenti'

I 100 milioni di dollari che Vevo ha versato in due anni alle case discografiche (due delle quali, Universal e Sony Music, sono cofondatrici dell'impresa) attingendo ai  suoi introiti pubblicitari hanno lasciato a bocca asciutta, a quanto pare, gli editori musicali (e forse anche le etichette) indipendenti. Lo sostiene Matt Pincus, amministratore delegato della società di edizioni Songs Music Publishing, in un intervento pubblicato sulla newsletter online The Wrap e destinato ad accendere polemiche.


Pincus scrive di non avere ancora visto neppure un dollaro, nonostante le canzoni del suo catalogo figurino sulla piattaforma che diffonde videoclip e altri contenuti musicali. Il motivo? Le major che ne sono i partner privilegiati firmano con Vevo accordi "all inclusive" che coprono discografia ed edizioni:  "Così", spiega Pincus, "Vevo paga le major discografiche, e queste si assumono la responsabilità di trasferire la contabilità agli editori, come fanno per le vendite su iTunes. Il problema è che non lo fanno, e che si siedono sul denaro che incassano".  Non solo: sempre secondo Pincus, alcune delle canzoni di cui la sua società amministra una quota di diritti finiscono nel catalogo del portale senza la sua autorizzazione,  nonostante il fatto che "le licenze di sincronizzazione non sono obbligatorie".


Eppure le cose vanno diversamente con YouTube, che è il maggior distributore dei video di Vevo sul mercato internazionale. Pincus fa l'esempio di una canzone attualmente piazzata nella Top Ten americana, "Rack city" del rapper Tyga: "YouTube", scrive, "ci paga direttamente anche nel caso si tratti di un video in cui un ragazzino si filma mentre mima la canzone e sua nonna balla sullo sfondo. E invece non veniamo pagati per il video ufficiale prodotto dalla Universal Records. A me sembra del tutto illogico". Vevo, per ora, non commenta.  
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.