Caso ReDigi, per il tribunale di New York è legittimo vendere file 'usati'

Primo round a ReDigi, nella controversia che oppone la Web company americana a Capitol/EMI circa la legalità della compravendita di file audio "usati" (cioè già acquistati regolarmente da un negozio digitale autorizzato) attraverso la piattaforma. La major discografica, che contesta l'applicabilità in materia del Digital Millennium Copyrigh Act (DMCA) accusando l'impresa di concorso in violazione di copyight, si è infatti vista negare dal giudice distrettuale di Manhattan Richard J. Sullivan la richiesta ordinanza preliminare di chiusura del sito.   

"Siamo grati al giudice di avere deciso in nostro favore", ha commentato il fondatore e amministratore delegato di ReDigi John Ossenmacher. "Speriamo che questa sentenza possa contribuire a velocizzare i tempi del processo e che ci consenta di tornare al lavoro per offrire ai consumatori accesso a questa straordinaria tecnologia. Speriamo che anche la Capitol torni al lavoro, e che trovi il modo di stare al passo con i  tempi invece di provare a fermare il processo di innovazione rifiutandosi di riconoscere ai consumatori paganti i loro diritti".  

La tecnologia adottata da ReDigi, ha sostenuto il responsabile tecnico Larry Rudolph, "è in grado di distinguere i file musicali legalmente acquistati online da quelli scambiati in rete o copiati da un Cd; ancora più significativo il fatto che l'uso del cloud computing e di altre moderne tecnologie informatiche renda il trasferimento di proprietà compatibile con le norme sul copyright". "ReDigi", ha aggiunto, "è il pioniere della cloud intesa come mercato dei beni digitali, il bazaar del futuro dove la gente compra e vende mentre una tecnologia sofisticata assicura sicurezza, legalità e convenienza".

Tuttora in fase beta, la piattaforma ha lanciato un concorso che mette in palio una nuova Fiat 500 tra tutti coloro che caricano sul sito 10 brani in formato digitale regolarmente acquistati e destinati a essere rimessi in vendita.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.