Peter Gabriel presenta CueSongs: 'Il low cost applicato alla musica in rete'

Peter Gabriel presenta CueSongs: 'Il low cost applicato alla musica in rete'

L'ultima scommessa tecnologica di Peter Gabriel (dopo OD2, We7 e The Filter) si chiama CueSongs: uno "sportello unico" online che intende rendere facilmente accessibile a siti Web (anche i più piccoli e indipendenti), operatori dei media digitali, sviluppatori di applicazioni per smartphone e creatori di spot pubblicitari online, ma anche a  singoli utenti di YouTube, Facebook e di altri social network, un catalogo di canzoni/registrazioni di artisti noti ed emergenti immediatamente utilizzabili  in modo legale e autorizzato a fini di sincronizzazione musicale.

La venture, presentata ieri al Midem di Cannes e appena lanciata in versione beta a inviti, vede Gabriel riprendere la collaborazione con Ed Averdiek (

già al suo fianco ai tempi di OD2 e poi manager per  Nokia Music, quando la società finlandese rilevò la proprietà dell'impresa tecnologica).  
Per spiegarne l'idea di partenza e gli obiettivi il musicista inglese ha preso a termine di paragone  l'evoluzione del low cost nell'ambito dell'aviazione civile, un fenomeno che ha aperto anche ai meno abbienti l'opportunità di viaggiare in tutto il mondo consentendo a piccole compagnie come Easy Jet di avere più passeggeri di British Airways. Per contro, spiega Gabriel,  "il vecchio mondo del licensing musicale è ancora affare per  pochi: troppo costoso per la maggior parte della gente, raramente disponibile online, terribilmente lento e complicato. Applicando prezzi modici e garantendo facilità di accesso online CueSongs crea un nuovo mercato per la musica, soddisfacendo una enorme domanda inutilizzata che può iniziare a generare nuove fonti di ricavo per gli artisti".

L'iniziativa ha già raccolto l'adesione di nomi importanti: nel catalogo pronto all'uso, oltre allo stesso Gabriel e agli artisti della sua etichetta Real World, fugurano compositori come Ennio Morricone e John Metcalfe (ex Durutti Column), gruppi rock come i Marillion e  dj/produttori come Judge Jules e Deadly Avenger, mentre contribuiscono al repertorio anche case discografiche come  Sony Music, Cooking Vinyl e Infectious Records nonché editori musicali come Sony/ATV, Peer Music, Music Sales e BryanMorrison Music.
 
Secondo Gabriel "artisti giovani e di nicchia potranno far arrivare la loro opera a chiunque, nel mondo, cerchi di procurarsi licenze su musiche diverse e interessanti. Mentre gli artisti di successo scopriranno che gran parte del loro catalogo, finora poco sfruttato, può dar vita a molteplici usi".  

 "Solo una fetta relativamente piccola dei copyright, oggi, incassa proventi dal licensing e dalle sincronizzazioni", conferma Averdieck, cofondatore e amministratore delegato di CueSongs. "Nel momento in cui in tutto il mondo gli investimenti di marketing si spostano sull'online, siamo convinti che tra i tanti milioni di siti e di imprese digitali oggi esistenti molti siano interessati a procursarsi musica in licenza se questa risulta facile da raggiungere e disponibile a un prezzo ragionevole. Si tratta di una soluzione vantaggiosa per tutti. Gli artisti possono determinare preventivamente per quali settori sono disposti a rendere disponibile la loro musica e accedere a una nuova fonte di royalty. I siti e le imprese digitali potranno aggiornare le musiche che utilizzano online, e i detentori dei diritti accedere a n settore tradizionalmente difficile da raggiungere e costoso sotto il profilo amministrativo".
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.