Al Green, grazie a Obama vendite in sù del 490%

Al Green, grazie a Obama vendite in sù del 490%

Un po' superficialmente, l'industria discografica potrebbe trarre queste conclusioni dai dati recentemente estrapolati dall'andamento delle classifiche statunitensi: se sei un artista - magari non più giovanissimo e di ambito soul/r'n'b - e vuoi rilanciare massicciamente il tuo catalogo sul mercato le opzioni che ti si potrebbero parare davanti sarebbero essenzialmente due. La prima è morire (si vedano i casi Michael Jackson o Etta James), la seconda è far sì che il presidente del tuo Paese canticchi un tuo brano davanti alle telecamere dei maggiori network nazionali e che il suo staff - che data la vicinanza di un'agguerrita campagna elettorale vede qualsiasi elemento viralizzabile, come si direbbe oggi, come una manna dal cielo - trasformi in tempo record l'estratto audio in una suoneria cellulare. Lo sa bene Al Green, che grazie alla breve performance di Obama offerta durante un comizio all'Apollo Theater di New York sulle note della sua "Let's stay together" ha visto le vendite del brano - ovviamente nella sua versione originale, quella inserita nell'omonimo album del 1972 ma pubblicata come singolo già l'anno precedente - impennarsi del 490% in meno di sette giorni. La dimostrazione? I dati numerici: stando ai maggiori online store americani, solo nel weekend immediatamente successivo alla performance dell'inquilino della Casa Bianca, ben 16.000 clienti hanno acquistato una copia della canzone.


[acquista qui la discografia di Al Green]




"Non preoccuparti, Reverendo: non sarò mai in grado di cantare come te", scherzò Obama - che grazie al solo evento organizzato nel tempio newyorchese del soul ha raccolto oltre 3 milioni di dollari da impiegare nella campagna per la prossima tornata presidenziale - cedendo la parola all'artista di Forrest City, Arkansas.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.