Le 'indies' britanniche cercano spazio in America

L’associazione delle etichette indipendenti britanniche, AIM, vuol far sentire la sua voce e trovare rappresentanza istituzionale-imprenditoriale sul maggiore mercato discografico del mondo. A tale scopo, l’organizzazione ha istituito un apposito comitato, presieduto dall’amministratore delegato del Beggars Group USA, Lesley Bleakley e di cui fanno parte diverse etichette che dispongono di filiali negli Stati Uniti come Mute, V2, Warp, Ninja Tune, Wall of Sound, Cooking Vinyl e PIAS. Tra i primi obiettivi della commissione di rappresentanza delle indie inglesi vi è quello di negoziare condizioni migliori per quanto riguarda i costi delle tournée e i servizi di assistenza sanitaria forniti agli artisti attraverso una contrattazione collettiva con le strutture pubbliche e private che operano sul territorio statunitense.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.