Sanremo 2012, categoria Giovani: parla Marco Guazzone

Il 14 febbraio 2012 sarà una data doppiamente importante per Marco Guazzone: oltre all'inizio della 62° edizione del Festival di Sanremo - al quale il cantante parteciperà per la prima volta - per quel giorno è prevista l'uscita del suo primo EP. Il 23enne artista romano infatti, dopo aver vinto il SanremoSocial, è stato ufficialmente inserito nella rosa dei giovani che saliranno sul palco dell'Ariston dove presenterà il brano intitolato "Guasto".

"Il significato della canzone è duplice perché il titolo indica sia l'aggettivo 'guasto', sia il nome di una località in Molise dove mi trovavo quando iniziai a comporre il pezzo" ha spiegato Marco, raggiunto telefonicamente da Rockol, : "Dovevo esibirmi a Guasto, un paesino vicino a Isernia e, finito il sound check mi sono ritrovato praticamente da solo in una cornice davvero incredibile e suggestiva. In mezzo alla campagna, seduto su un pianoforte a coda davanti alla chiesa principale, ho iniziato a suonare il motivo che si è sviluppato in modo del tutto naturale. Ma il termine 'guasto' rimanda anche a quei periodi bui, di sofferenza e di distacco che tutti dobbiamo inevitabilmente affrontare per crescere. Guastarsi per poi ritrovarsi più forti e integri di prima. E questo non vale solo per le relazioni, ma per ogni aspetto della realtà che implichi coinvolgimenti di passione". Marco Guazzone è anche il cantante degli Stag, il quintetto rock che esordirà (il 14 febbraio, appunto) con un EP per l'indipendente SunnyBit: "E' un progetto al quale stiamo lavorando dallo scorso marzo e che sarà anticipato proprio dal brano che presenterò al Festival. Quello del disco è un lavoro che stiamo portando avanti da molto tempo e che prescinde da Sanremo. Siamo una band variabile perché cambiamo a seconda della situazione. Sappiamo bene che le band hanno poco futuro a Sanremo, per questo mi presenterò come solista, ma anche come rappresentante degli Stag", ha puntualizzato Marco, aggiungendo: "Essere stato selezionato tra i numerosi artisti che hanno partecipato al concorso non è che una conferma per me e per la band, una spinta in più. Il nostro lavoro non cambia e, a parte queste stranezze come le interviste e le scadenze da rispettare, continuo a fare quello che facevo prima". Con una piccola differenza, però: "Fino a un mese fa ero io che mi occupavo dei concerti della band e, sotto falso nome, chiamavo i gestori dei locali chiedendo di farci suonare. Anche adesso la lotta continua, però tutta la visibilità che abbiamo avuto grazie al fatto di essere comparsi su Facebook e sul sito della Rai ci ha risparmiato almeno 5 anni di gavetta. Certo il tutto è da gestire con cautela". Parlando del debutto di Sanremo su social network Marco ha commentato: "Da sempre Sanremo si porta dietro moltissime critiche. E' innegabile che alcune, forse troppe, dinamiche di gestione del Festival sono molto lontane dall'ambito musicale, ma l'apertura al mondo dei giovani tramite Facebook è un' innovazione positiva che va riconosciuta. Io forse sono l'esempio che qualcosa sta cambiando perché non ho alle spalle una raccomandazione, ma l'impegno di una etichetta indipendente che lavora al mio fianco. Un altro cambiamento da premiare è la scelta di inserire nel cast dei Big artisti come i .Marlene Kuntz; per non parlare del loro duetto con Patti Smith. Io sarò presente quando suoneranno e se ci penso mi vengono i brividi. In effetti ancora non ho realizzato del tutto quello che ci sta capitando. Non ci aspettavamo di poter vincere SanremoSocial tanto che, quando hanno annunciato i vincitori noi stavamo facendo le prove in studio, senza alcuna aspettativa, anzi cercando proprio di non pensarci", ha concluso Guazzone, : "Poi hanno iniziato a squillare tutti i telefonini contemporaneamente e allora abbiamo capito..."

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.