UK, l'associazione delle indies chiede al Parlamento di bloccare la vendita EMI

UK, l'associazione delle indies chiede al Parlamento di bloccare la vendita EMI

Dopo le prese di posizione di Impala e Merlin, che in un'intervista rilasciata a Rockol, lo scorso dicembre a Milano, avevano chiarito i termini della loro ferma opposizione alla vendita della EMI a Universal (divisione dischi) e Sony (edizioni), sul tema si è attivata anche l'associazione delle indies inglesi AIM,  invitando le oltre ottocento società aderenti all'organizzazione a inviare una lettera prestampata ai deputati britannici  espressi dai rispettivi collegi elettorali. La speranza di AIM è che Parlamento e governo inglese intervengano nell'operazione, che consegna nelle mani di una società francese (Vivendi, capogruppo di Universal) e di una società giapponese (Sony) una delle imprese britanniche più prestigiose e di lunga tradizione (anche se l'eventuale blocco della vendita può essere deciso solo dagli organi Antitrust, e dunque - in Europa - dalla Commissione Europea).


Come Impala e Merlin, nella sua lettera AIM sostiene che l'operazione concentrerà una quota eccessiva di potere nelle mani di due sole società dominanti, "la cui posizione monopolistica è già stata causa di un declino del mercato".  Il documento cita anche una dichiarazione di Martin Mills, presidente del Beggars Group, il quale definisce l'acquisto della divisione discografica EMI da parte di Universal come un'operazione "di una tale arroganza da lasciare senza fiato".
Curiosamente, nel suo intervento, AIM riflette anche sui destini della terza major, Warner Music, osservando che se gli accordi con Universal e Sony non verranno bloccati "si ritroverà effettivamente ad essere relegata in una posizione in cui non potrà esercitare una vera concorrenza sul mercato mondiale". La stessa Warner,  secondo il blog americano Legal Times, avrebbe incaricato una importante ditta di avvocati, la Hyatt Farber Schreck, di fare lobby contro la fusione Universal-EMI in vista di un'opposizione del merger davanti alle autorità Antitrust.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.