Rupert Murdoch: 'Google e Obama amici dei pirati online'

Barack Obama e Google: sono loro, secondo il boss di News Corp. Rupert Murdoch,  i primi responsabili del dilagare della pirateria online negli Stati Uniti e nel resto del mondo.  
Affidando i suoi strali a Twitter, il magnate australiano accusa il presidente Usa di "schierarsi chiaramente dalla parte dei 'tesorieri' della Silicon Valley", ostacolando così l'iter di due leggi, lo Stop Online Piracy Act (noto con l'acronimo di SOPA) e il Protect It Act, tuttora pendenti presso il Congresso. Ma è ancora più feroce con Google, ritenuto "il leader dei pirati che diffonde film gratuitamente e intorno ad essi vende pubblicità. Niente da stupirsi che versino milioni nell'attività di lobbying", mentre in un altro tweet spiega di avere ritrovato su Google Search "diversi siti che offrono link gratuiti. Nient'altro da aggiungere".
La reazione di Mountain View non si è fatta attendere: "Tutte sciocchezze", ha replicato un portavoce di Google. "Lo scorso anno abbiamo tolto dai nostri risultati di ricerca 5 milioni di pagine Internet che violavano i copyright e abbiamo investito più di 60 milioni di dollari nella lotta alla cattiva pubblicità...Combattiamo pirati e contraffattori ogni giorno".
In un comunicato emesso sabato scorso, la Casa Bianca ha sottolineato che "la pirateria online è un problema reale che danneggia l'economia americana, mette  a repentaglio l'impiego di un numero significativo di lavoratori della classe media e colpisce alcuni degli imprenditori e delle società più creative e innovative della nazione", ma ha aggiunto di non voler appoggiare "una legilsazione che riduce la libertà di espressione, aumenta i rischi di sicurezza informatica e intacca il dinamismo e l'innovazione globale della Rete".
 

    Barack Obama e Google: sono loro, secondo il boss di News Corp. Rupert Murdoch,  i primi responsabili del dilagare della pirateria online negli Stati Uniti e nel resto del mondo.  
    Affidando i suoi strali a Twitter, il magnate australiano accusa il presidente Usa di "schierarsi chiaramente dalla parte dei 'tesorieri' della Silicon Valley", ostacolando così l'iter di due leggi, lo Stop Online Piracy Act (noto con l'acronimo di SOPA) e il Protect It Act, tuttora pendenti presso il Congresso. Ma è ancora più feroce con Google, ritenuto "il leader dei pirati che diffonde film gratuitamente e intorno ad essi vende pubblicità. Niente da stupirsi che versino milioni nell'attività di lobbying", mentre in un altro tweet spiega di avere ritrovato su Google Search "diversi siti che offrono link gratuiti. Nient'altro da aggiungere".
    La reazione di Mountain View non si è fatta attendere: "Tutte sciocchezze", ha replicato un portavoce di Google. "Lo scorso anno abbiamo tolto dai nostri risultati di ricerca 5 milioni di pagine Internet che violavano i copyright e abbiamo investito più di 60 milioni di dollari nella lotta alla cattiva pubblicità...Combattiamo pirati e contraffattori ogni giorno".
    In un comunicato emesso sabato scorso, la Casa Bianca ha sottolineato che "la pirateria online è un problema reale che danneggia l'economia americana, mette  a repentaglio l'impiego di un numero significativo di lavoratori della classe media e colpisce alcuni degli imprenditori e delle società più creative e innovative della nazione", ma ha aggiunto di non voler appoggiare "una legilsazione che riduce la libertà di espressione, aumenta i rischi di sicurezza informatica e intacca il dinamismo e l'innovazione globale della Rete".
     

Questo è un contenuto esclusivo per gli iscritti a Music Biz

controllo dell'utente in corso
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.