Modella denuncia Puff Daddy e gli chiede milioni di dollari

Modella denuncia Puff Daddy e gli chiede milioni di dollari
Per Puff Daddy (o P.Diddy, o Sean Combs) i guai non finiscono mai. Appena il tempo di gioire per aver evitato la condanna nel processo per la sparatoria di fine ’99 (ma il suo amico Shyne si è beccato dieci anni), ed ecco che sul capo gli piove una denuncia. A depositarla presso un tribunale di New York è stata Kimberly Porter, la quale gli chiede il 17% del suo fatturato. E Puffy “vale” circa 280 milioni di dollari. Ma non solo: la Porter vuole inoltre che Combs venga dichiarato ufficialmente padre di suo figlio. Già, perché Puffy sarebbe il padre di un bel maschietto di tre anni, Christian. La modella afferma che il rapporto tra i due si protrasse dal ’95 al 2000. Il musicista e produttore era convinto d’aver sistemato la questione qualche settimana fa, ma evidentemente la signora vi ha ripensato. E, oltre ai soldi, adesso vuole pure una bambinaia e che Puffy paghi tutte le spese scolastiche del bimbo.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.