Kid Rock in tribunale: ‘La mia ex deve pagare gli alimenti’

Kid Rock è recentemente entrato in tribunale per definire legalmente i termini della custodia congiunta riguardanti il proprio figlio, avuto dall’ormai ex moglie Kelly Russell: il cantante sosterebbe che la madre di Robert Ritchie Jr – questo il nome del bambino – onde non venir meno alle sue responsabilità di genitrice, versasse 25 dollari a settimana per il mantenimento del figlio. Una somma irrisoria, che Kid non farebbe assolutamente fatica ad accollarsi, ma sulla quale la rockstar non transige: “La signora Russel ha ottenuto la custodia del figlio, ed è quindi madre a tutti gli effetti. E, in quando genitrice, non può tirarsi indietro davanti alle spese per crescere suo figlio” ha dichiarato a E! Online l’avvocato di Kid Rock Lori Finazzo. I legali della controparte, per ora, tacciono: nessuno degli assistenti della Russel ha voluto commentare la scelta del musicista.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.