Il Teatro Smeraldo di Milano cambia sede, al suo posto arriva Eataly

Dopo le tante lotte contro gli ostacoli amministrativi e i problemi creati dall'eterno cantiere situato davanti alla sue porte di ingresso, il Teatro Smeraldo di Milano chiuderà i battenti della storica sede di Piazza XXV Aprile e cercherà una nuova "casa". Ad occupare gli spazi dell’edificio ci sarà Eataly, primo supermercato al mondo dedicato ai cibi di alta qualità, già presente a Milano in Piazza Cinque Giornate. La trattativa tra Gianmario Longoni, proprietario del gruppo Officine Smeraldo, e Oscar Farinetti, patron di Eataly, è andata in porto e, a fine stagione, pietanze raffinatissime prenderanno il posto di platea e palcoscenico. Ora il noto teatro, che ha visto le esibizioni di numerosissimi artisti italiani e stranieri, e tanti ne vedrà nel 2012, tra i quali vale la pena menzionare Roger Daltrey con "Tommy", insieme a molte rappresentazioni teatrali degne di nota, sta cercando una nuova dimora. Farinetti ha, però, promesso che nel progetto di ristrutturazione degli spazi per l'insediamento di Eataly resterà comunque un'area dedicata ai concerti. Longoni, intanto, oltre alla ricerca per dare una sede allo Smeraldo, sta pensando, per il 2013, alla Bovisa come location del nuovo Ciak, altro storico teatro milanese, che ora occupa una parte de La Fabbrica Del Vapore, in via Procaccini.

Music Biz Cafe, parla Luca De Gennaro (Direttore VH1 Italia)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.