Cervone (Sorgente Group): 'I fondi SIAE servono a far fruttare il patrimonio'

In un'intervista rilasciata all'agenzia Asca Stefano Cervone, consigliere di amministrazione di  Sorgente Group, rivendica la trasparenza e la liceità dell'operazione con cui la SIAE ha affidato alla SGR (Società di Gestione Risparmio) romana di via del Tritone la gestione di una parte del suo patrimonio immobiliare, confluito in due appositi fondi battezzati Norma e Aida.
Cervone ribadisce che il conferimento, in tutto o in parte, delle unità immobiliari  (due - compresa la sede storica di Viale della Letteratura a Roma - appartenenti alla SIAE, per un valore di 91,48 milioni di euro; cinque al Fondo Pensioni per il personale di ruolo, per un valore di 58,83 milioni di euro) è avvenuto in osservanza della normativa vigente, e che "non può essere considerata una dismissione e tantomeno una vendita", dal momento che "la proprietà degli immobili resta saldamente nelle mani di SIAE e del suo Fondo Pensioni, che ora possiedono in maniera esclusiva la totalità delle quote dei rispettivi fondi".

.
Secondo Cervone "è privo di fondamento il sospetto che il passaggio degli immobili a questi fondi, che per legge può avvenire solo con la stima di riconosciuti esperti indipendenti, sia potuto avvenire attribuendo un valore di gran lunga minore a quello di mercato. Circostanza che sarebbe stata controproducente innanzitutto per noi, che operiamo sulla base di una percentuale calcolata sul valore del patrimonio immobiliare gestito". "In base alla normativa vigente", aggiunge il direttore generale di Sorgente, "si tratta di operazioni che non possono che avvenire alla luce del sole e non possono nascondere né da parte di chi le propone, né di chi le realizza alcun secondo fine, se non quello di dare maggiore efficienza a un patrimonio immobiliare spesso dormiente. Ed è spiacevole per un gruppo come il nostro, che opera non solo in Italia ed ha allo studio importanti iniziative all'estero, sia pure indirettamente, entrare in un alone di sospetto di non aver operato secondo tutti i crismi della legge".  
Sulla vicenda, che ha scatenato reazioni e interrogazioni alla Presidenza del Consiglio da parte di esponenti dell'intero arco politico (PD, Idv, Lega),  sono in corso - secondo quanto riportava ieri il Corriere della Sera - gli accertamenti della Guardia di Finanza, incaricata dal procuratore aggiunto di Roma Alberto Caperna di verificare l'effettiva regolarità dell'operazione.
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.