Approvato il decreto sull’Iva, l’aliquota sui dischi resta al 20 per cento

Approvato il decreto sull’Iva, l’aliquota sui dischi resta al 20 per cento
Con 312 voti favorevoli e l’astensione di Polo e Lega dalle votazioni, la Camera ha approvato ieri, 29 novembre, il decreto sull’Iva che conferma le variazioni di aliquota decise dal governo nell’ambito della manovra finanziaria per il ‘98. Resta dunque al 20 per cento l’Iva su Cd, cassette e videocassette preregistrate, come del resto era apparso scontato fin da quando, il 1° ottobre scorso, la nuova aliquota era entrata in vigore.

Le uniche speranze di una futura riduzione dell’imposta al 4 per cento (come per i libri) o almeno all’aliquota intermedia del 10 per cento, restano ancorate a questo punto a un ipotetico intervento del consiglio dei ministri dell’Unione Europea. Di ritorno da una riunione tenutasi a Bruxelles la settimana scorsa tra i ministri della cultura europei, il vicepremier italiano Walter Veltroni si era dichiarato ottimista sulle possibilità di rivedere la politica fiscale comunitaria in materia di prodotti culturali. In particolare, Veltroni avrebbe ottenuto un consenso di massima da paesi come la Francia e la Germania: ma restano numerosi gli ostacoli da superare, a cominciare dall’atteggiamento ostile della Gran Bretagna e dalle probabili resistenze che alcuni ministri economici potrebbero opporre a una proposta di riduzione delle aliquote.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.