Green Day, cronaca di un altro giorno di follie

Green Day, cronaca di un altro giorno di follie
Dopo le scorribande notturne in albergo, raccontatevi da Rockol un paio di settimane fa, i Green Day hanno nuovamente fatto vedere cosa si intende con la parola "punk". Qualche giorno fa, durante un loro showcase al Tower Records di Broadway (catena di negozi di dischi), Billie Joe Armstrong ha gridato ai fans "Facciamo un casino pazzesco!" e, gettate per terra intere file di CD, si è messo a tirare dischi ai quattrocento fans presenti. Mentre costoro ringraziavano per l'inatteso regalo, Billie ha estratto una bomboletta spray ed ha scritto "Fuck you" e "Nimrod" sulle pareti del negozio. Quindi, al termine delle otto canzoni in scaletta, evidentemente non pago, ha mostrato le chiappe nude ai fans. Il Tower non ha sporto denuncia contro la band, ma i dirigenti si sono detti "furiosi" per il danno economico.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
16 giu
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.